Nuovo impianto per la De Molen Bierbrouwerij

7

Category : Birra, Notizie in breve


Della De Molen, vera star della scena birraria artigianale olandese ed europea (se non mondiale), abbiamo parlato in più occasioni, e immaginiamo sappiate già molto. Per rinfrescare la memoria, intanto, vi segnalo gli articoli più significativi su Pintaperfetta: la mia prima visita al mulino nel giugno 2009, la mia ultima visita (per raccontare la seconda edizione del Borefts Festival, rassegna del meglio della “nuova produzione europea”) e per l’annuncio della collaborazione da urlo con l’americana Flying Dog.

Anche in questo caso raccontiamo una “piccola” notizia, vale a dire l’acquisto del nuovo impianto.

Lascio quindi la parola alla newsletter:

Caro xxx,
stiamo attirando sempre più fan di giorno in giorno. Chiaramente siamo molto orgogliosi di questo, ma questo ci costringe davvero a crescere un po’. Adesso produciamo circa 1200 ettolitri all’anno e puntiamo a una crescita che ci porti a produrre circa 4500 ettolitri. Paragonati ai grandi birrifici continueremo quindi a essere un minuscolo birrificio artigianale.

Giovedì 11 novembre, “giorno pazzo” per gli olandesi, abbiamo firmato un contratto per un impianto di produzione da 25 ettolitri a cotta. Una grande crescita rispetto al nostro attuale impianto da 5 ettolitri. Siamo davvero emozionati, ma probabilmente non saremo ritenuti così pazzi in futuro. Seguiamo semplicemente il nostro sogno e continuiamo a divertirci.

Abbiamo selezionato il nostro nuovo impianto di produzione secondo molti parametri. I più importanti sono qualità, rispetto dell’ambiente ed efficienza. Un birrificio moderno come quello che abbiamo ordinato riutilizza il calore, non produce odori sgradevoli e taglia il consumo dell’acqua. Dato che istalleremo il nuovo impianto in un nuovo edificio ci risparmierà molto tempo e molti sforzi logistici. Le stesse persone potranno quindi produrre più birra.
Il nuovo edificio è proprio dall’altra parte della strada, quindi sarà mantenuto il legame sia fisico che emotivo con il mulino. Il ristorante e il beer shop rimarranno nel bellissimo mulino fresco di ristrutturazione.

Saluti

Brouwerij de Molen”

Insomma, il comunicato dice più o meno tutto ciò che c’è da sapere.

Local Option, Chicago (IL, USA)

3

Category : Locali, Viaggi

Nella zona universitaria di Chicago, vicinissimo alla De Paul University e non lontano nemmeno dallo Small Bar (di cui abbiam parlato qua), si trova il Local Option, piccolo locale votato alla birra di qualità. Curioso il fatto che si trovi in una zona frequentata da giovani universitari, che in linea di massima non sono proprio i migliori clienti possibili per le birre ricercate.

Il locale è, come detto, piccolino e, se non fosse per la marea di neon colorati appesi in vetrina o all’interno, dalla strada (1102 West Webster, mappa) sarebbe poco visibile. In realtà, come in quasi tutte le città americane, una volta fatta pratica con gli indirizzi, capirete che è quasi impossibile perdersi. Noi siamo capitati lì un pò per caso, dopo aver chiuso la serata alla Goose Island, Giacomo s’è ricordato di aver avuto un suggerimento da un amico, e così siamo passati al volo per dare un’occhiata: fatto sta che nelle tre sere che abbiamo passato a Chicago, ci siamo poi sempre stati.

Subito un appunto, prima di iniziare: ricordatevi il passaporto. Nè carta di identità, nè patente (che non sia quella americana, ovviamente) sono accettate come documento che provi la maggiore età (21): senza passaporto non vi faranno nemmeno entrare dalla porta. Una volta entrati, con documento vero o falso che sia, troverete la sala di ingresso con bancone a sinistra e tavolini-trespolo a destra. Poco più avanti un’apertura vi porterà ai pochi tavolini presenti nel locale. Nella terza sera abbiamo davvero fatto fatica a trovare posto anche per via della Finale di NHL che vedeva protagonista i Chicago BlackHawks.

Seduti al bacone, ci si presenta davanti l’impianto spine, con ben 25 diversi “manici” e prelibatezze da ogni parte del mondo. Sì, perchè al Local Option non troverete soltanto le (ottime) produzioni statunitensi, ma anche nomi europei di grande importanza. Vero è che a noi questi nomi non fanno più un grande effetto, ma la faccia di Giacomo quando ha (ri)trovato certe perle, è davvero stata un programma. Nella mega-lavagna a fianco del bancone son segnate tutte le spine disponibili in quel momento: noi abbiam trovato – e bevuto – birre di Three Floyds (che abbiam poi anche visitato), Great Divide (il devastante barley wine Old Ruffian), Left Hand (con la Milk Stout non si sbaglia), Sierra Nevada, Lost Abbey, Jolly Pumpkin, Flying Dog, Founders. Molti altri i birrifici americani presenti, ad esempio Dark Horse e Lagunitas.

Le “straniere” però non mancano: alla spina c’erano Cantillon (Lambic e Rosé de Gambrinus), Spezial (Bamberg), Mikkeller (Single Hop Centennial e Simcoe), Schneider. Ovviamente queste birre, per noi europei facilmente trovabili, per un americano sono ricercatissime, ed è per questo che i prezzi non erano troppo a buon mercato… la Mikkeller ea a 9$ per una piccola da (circa) 0.3.  Tutto il resto viaggiava sui prezzi medi americani per prodotti di buona/alta qualità, cioè circa 5-6 $ la pinta. Da segnalare anche una giapponese: l’ottima Hitachino Nest White Ale, una witbier molto aromatica e rinfrescante. Molto positivo il fatto che le spine ruotassero rapidamente: da un giorno all’altro, una o due birre cambiavano sempre.

In più, ogni tanto organizzano serate a tema o educative, dedicando più spine ad uno stesso birrificio. Si possono avere informazioni sullo scarno sito ufficiale. Ad esempio, c’è stata la serata Mikkeller Yeast Series, ed una con le birre più  “ricercate” della Three Floyds. Non si può che apprezzare l’impegno.

Ultimo paragrafo per l’elogio al servizio: probabilmente ci avevano preso in simpatia e, a parte la seconda serata in cui eravamo davvero stanchi, l’hanno dimostrato regalandoci qualche bottiglia da asporto, tra cui la Brooklyner-Schneider Hopfen-Weisse (una weizen bock nata dalla collaborazione tra Brooklyn Brewery e Schneider – brassata a New York con lievito tedesco e luppoli americani) e il Barleywine della Lagunitas. Se siete a Chicago, il Local Option è un posto assolutamente da non perdere. Ma ricordatevi il passaporto.

mattia e giacomo

Rattle n Hum – New York City (NY), USA

3

Category : Locali

Mentre dal lato europeo dell’oceano è periodo di vacanze, da questo lato dell’oceano le vacanze non sanno nemmeno cosa vogliano dire. Niente vacanze vuol dire lavoro; ma come al solito, se vado da qualche parte,  che sia in vacanza o no, mi sento moralmente obbligato a cercare qualche locale nuovo. Per cui, rieccomi qui a darvi qualche dritta sui pub sbevazzoni di lusso della grande mela.

Situato all’inizio della 33rd Street East (chi conosce un po’ la topologia di Manhattan dovrebbe aver presente la zona: è a circa un blocco di distanza dall’Empire State Building, e molto vicino anche a Penn Station), Rattle n Hum si colloca in una zona piuttosto chic: difficile trovare qualcosa a basso costo, da queste parti. Però è uno dei locali di NYC con più alto punteggio su Ratebeer, per cui non mi faccio intimidire e decido di andare a dare un’occhiata. Costi quel che costi (in tutti i sensi).

Prima impressione: l’ambiente. Classico pub in legno, molto pulito e scintillante, schermi televisivi giganti un po’ ovunque, poster e lavagne che segnalano quali eventi sportivi verrano trasmessi in diretta. Pieno stile americano da pub “sportivo”, non il mio preferito. Passa qualche secondo, e purtroppo faccio caso alla musica. Brivido, terrore, raccapriccio: country e bluegrass, intervallati da blues vecchio stile, di quello brutto. Non esattamente quello che vorrei trovarmi ad affrontare. Ok, mi siedo lo stesso.

Appena vista la lista delle birre mi tiro su di morale, perché è di tutto rispetto (per usare un eufemismo). Conto ben 38 spine differenti, più 2 on cask. Come se non bastasse, il menu delle birre è organizzato alla perfezione : diviso per stile – circa 18 stili diversi sul menu che ho sotto mano -, e per ogni birra sono indicati la dimensione del bicchiere in cui viene servita, il voto su Beer Advocate, la gradazione alcoolica, lo stato di provenienza, e il prezzo. Da notare che quando dico “stato” intendo “negli USA”: eh si, perché una delle particolarità di questo locale è che serve quasi solamente birre artigianali americane. Non si può che apprezzare l’impegno, oppure condannare il campanilismo: a scelta vostra, ma personalmente lodo l’iniziativa. Il menu è stampato in bianco e nero su semplici fogli di carta, perché è lecito aspettarsi che cambi molto, molto frequentemente; un punto a favore. Da notare che sul sito internet si trova la lista aggiornata delle birre alla spina.

Che cosa mi offriva il menu del giorno? C’era solo l’imbarazzo della scelta. Ovviamente molti Pale Ale e IPA, inclusi alcuni “classici” molto popolari (Green Flash West Coast IPA, Stone Ruination, Dogfish Head 90 minutes, Sierra Nevada Wet Hop Harvest, Smuttynose IPA e PA, Bear Republic Racer 5, Lagunitas IPA e PA): non si può prescindere da questi, perché sono quelli che fanno una buona parte delle vendite. Ma c’erano anche alcune birre più difficili da reperire, come Smuttynose Really Old Brown Dog, Rogue Morimoto Black Soba Ale, Lagunitas Gnarleywine ’08,  il devastante Goose Island Bourbon County Imperial Stout. Ecco, spendo una parola di più su questo: è più vicino al bourbon che alla birra – sul serio, è qualcosa di smisurata potenza; un concentrato densissimo di malti, con un aroma di vaniglia, caramello e quercia (dovuto all’invecchiamento, 150 giorni in botte di bourbon) così intenso da lasciare senza fiato. A chi piacciono le bombe liquorose (io alzo la mano: non ne bevo tante, ma una a fine serata ci sta sempre bene), consigliatissimo.

Apprezzabile anche l’idea di avere varie versioni della stessa birra alla spina ( in questo caso, la Stone Double Bastard e la versione invecchiata Oaked Double Bastard – e anche la versione standard Arrogant Bastard, per chi non la conoscesse). In più, le birre on cask che ho trovato sono una vera chicca: Moylans Dragoons Irish Stout e Kilt Lifter Scotch Ale. Non sono un fan degli scotch ale, ma ho aprezzato molto la stout, secca, “arrostita” e senza fronzoli, davvero ben fatta; soprattutto, è la prima volta che trovo delle Moylans sulla costa est.

Tutto rose e fiori? La scelta delle birre è impeccabile, c’è poco da dire. Però il prezzo è un po’ elevato, anche se siamo in piena Manhattan: almeno 7 dollari per una pinta (tranne pochissime eccezioni a 6 dollari), con almeno un quarto del menu a 8 dollari. Se ci aggiungete tasse e mancia, si arriva a 9 dollari circa per pinta, che non è poco, anche perchè alcune birre vengono giustamente servite in bicchieri più piccoli della pinta standard (tulip, snifter). E devo dire che l’ambiente e la musica non mi sono piaciuti per niente, troppo rappresentativi di quella parte della cultura statunitense che non mi piace; giudizio assolutamente personale, ma tutto conta alla fine, e il Rattle n Hum, nonostante la selezione di prima qualità di birre americane, non rimarrà tra i miei locali preferiti in NYC.

Giacomo
(foto: parte mie, parte sito ufficiale)

Un uomo e i suoi viaggi: Stuart Ashby

1

Category : Notizie in breve, Viaggi

Mentre Mattia e Giacomo si dedicano a scolare (maledetti) un’infinità di pinte favolose dalle parti di Chicago, vi aggiorno con una notizia curiosa trovata in rete.

La Good Beer Guide è la prima, storica guida pubblicata dagli inglesi della Campaign For Real Ale. Viene pubblicata da un sacco di tempo (1974) e ogni anno viene aggiornata. La cura Roger Protz, che come anticipavamo poco tempo fa quest’anno sarà ospite al Villaggio della Birra.

Sulla Guida ci si trovano tutti i pub più interessanti della Gran Bretagna (no Irlanda, se ricordo bene: ho fatto l’errore di prestare la mia copia di qualche anno fa), e ogni anno viene aggiornata. Ci si trovano informazioni basilari (orari, giorni di chiusura), se e quali Real Ale si trovano alla spina, magari l’offerta di cibo e una breve descrizione su cosa aspettarsi. Per certi versi, è un po’ l’ispirazione al nostro blog, che oltre a raccontare qualche avvenimento, degustazione, viaggio, si propone soprattutto di segnalare e consigliare posti dove bere bene e passare delle serate piacevoli.

C’è anche qualche scheda sui birrifici, purtroppo meno godibile di quelle fatte in altre guide sempre a cura della CAMRA, tipo quella del Belgio curata da molti anni da Tim Webb.

Perché ve ne parliamo oggi? Perché nella vita è importante darsi degli obiettivi, e fare il possibile per raggiungerli. E’ il caso di Stuart Ashby, pensionato delle ferrovie britanniche di 60 anni, che si era riproposto, molti anni fa, di bere almeno una birra in ognuno dei 700 pub listati nella Guida (edizione 1990, per la precisione). L’ultimo locale scelto per chiudere il lungo viaggio è stato un pub a poche miglia da casa sua. Se l’impresa vi sembra tutto sommato facile, ad aggiungere difficoltà è il fatto che quest’uomo non guidi. Quindi, dove non riusciva ad arrivare con il trasporto pubblico si affidava al buon vecchio autostop. O al traghetto: sulla guida ci sono pure i pub delle isole inglesi, e così il buon Stuart ha dovuto farsi quattro ore di traghetto per potersi bere una birra sull’isola di Lundy, al largo del Devon.

Ne parla il Daily Mail, spiegando come nel corso della ricerca per la pinta perfetta (appunto) abbia visitato, dal 1984 a oggi, qualcosa come 17.000 pub. Se sapete l’inglese, merita una lettura.

Ah, e non crediate che quest’uomo intenda fermarsi: a fine mese farà un giro nel nord del Galles, e in otto giorni pensa di riuscire a visitare un centinaio di pub. Che dire? Buon viaggio…

Guida Rapida di Cardiff

4

Category : Locali, Viaggi

Non che Cardiff sia una località particolarmente turistica, anzi, ma se mai foste di passaggio, o in città per questioni prettamente rugbystiche (come me), ecco un breve decalogo dei pochi luoghi da visitare e dei tanti luoghi da ignorare.
Comincio col dire che non c’è nulla che mi abbia entusiasmato: molti, moltissimi pub sono in realtà delle catene, e la stragrande maggioranza è di proprietà della Brains, che ha la sede proprio nella capitale gallese, e la fa ovviamente da padrone.

Di pub in linea di massima ne salvo tre, uno sulla via principale e due vicinissimi al centro. Poi ne vengono due in linea di massima decenti, e concludono la serie migliaia di posti che non meritano visita alcuna.

Il trio delle (piccolissime) meraviglie
The Goat Major, High St. praticamente di fronte al ponte levatoio del castello è la miglior proposta in città. Non enorme, ha una qualità eccezionale, che è il “numero chiuso”: non ci sarà mai affollamento all’interno perchè il buttafuori all’ingresso farà entrare le persone in maniera proporzionata a quante ne usciranno. Cinque-sei birre commerciali trovabili ovunque e 10 birre a pompa, di cui tre Real Ales e le restanti sette della Brains (ecco, mi chiedo come sia possibile sentire la differenza tra sette Ale di stile inglese di una sola marca). Il Goat Major è un pub storico di Cardiff ed è situato in una delle pochissime case ancora a tralicci.

Il The Cayo, Cathedral Rd, è segnalato dal 2006 ad oggi sulla Good Beer Guide versione UK. Rispetto al Goat Major è appena fuori dal centro, ma raggiungibile a piedi in 5 minuti dal Millennium Stadium. Abbastanza spazioso, anche se diviso in svariate sale che lo rendono un pò “labirintico” e con un bel giardino estivo fronte-strada, presenta le solite commerciali e 6 Real Ales a pompa. Io ero di particolare fretta e ho notato (e bevuto) con piacere una Wychwood Paddy’s Tout, bella corposa e cioccolatosa. Simpatica anche l’iniziativa con cui è il cliente a scegliere, attraverso un questionario, quali saranno le birre ospiti in futuro.

Y Mochyn Du, che in gallese significa Il Maiale Nero (non chiedetemi quale sia la parola che identifica “maiale”), si trova a 50 metri dal The Cayo, all’interno del parco di Sophia Garden. La casetta in cui è ospitato appare cone un mix tra la casa degli gnomi a Gardaland e una vecchia stazione-casa cantoniera completamente ristrutturata. L’interno è enorme, il bancone a pianta quadrata prende la parte centrale e tutto intorno alle vetrate ci sono i tavoli (presente anche un ampio giardino). Anche qui, oltre alle commerciali che sono presenti in grande quantità (almeno una dozzina, compresa la Moretti!) ci son tre Real Ales a pompa. Provate tutte e tre e se non ricordo il nome, (nè ho avuto la voglia di scriverlo) vuol dire che non erano niente di particolare.

A questo punto, vi starete chiedendo… “orca ma se questo era il meglio, adesso che si scende a livelli infimi che ci aspetta?”
Domanda legittima, e risposta scontata: “il nulla”.

L’incognita
Ne segnalo due, di locali, così, velocemente, che a prima vista mi avevano semi-ispirato ma in cui non son riuscito ad entrare: il Cardiff Cottage, 25 St. Mary st., uno dei pub più antichi della città, segnalato sulla Good Beer Guide 2009, che però fa parte della catena Brains. Di fronte al castello, c’è invece la Rummers Tavern, Duke St., ospitata in un inconfondibile palazzo a tralicci. Questi due sono forse i soli locali che potrei consigliarvi di provare nel caso gli altri tre fossero pieni, chiusi o sprofondati.

I maxischermi
Prima di visitare Cardiff, nessuna città o locale inglese, diciamo britannico in questo caso, mi aveva mai lanciato il messaggio “meglio avere 50 televisori ultrapiatti e un dolby sproporzionato piuttosto che della buona birra”: nella capitale gallese invece succede il contrario. Sono tanti, tantissimi i pub che pubblicizzano gli ingressi con mega-cartelloni dove si sfidano a suon di pixel, HD e canali satellitari invece che malti e luppoli. Il mio consiglio è di stare alla larga da tutti questi locali, da catene tipo O’Neill eccetera.

E, per carità, non andata a mangiare da Wok to Walk alle 3 e mezza del mattino. Fatelo per il vostro bene.
Al contrario, High St. e St. Mary St. dopo le 23 sono una fucina di fenomeni da baraccone: armatevi di telecamera e farete serata.

Guida rapida di Praga

4

Category : Locali, PintaPerfetta, Viaggi

Difficile, difficilissimo fare una sorta di “recensione” di tutti i locali praghesi di ottimo livello. Difficile perchè sono tanti, e molti sono “nascosti” agli occhi di chi vive la città solo per qualche giorno. Essendoci però stato poche settimane fa, provo  a fare una sorta di piccolo compendio a quei locali che valgono bene una visita, o a quelli forse un pò troppo pubblicizzati.

Partiamo subito con quello che considero la migliore birreria a Praga: U Zlateho Tygra (La Tigre d’oro).
Centralissimo, tra la piazza principale e Ponte Carlo, apre al primo pomeriggio e l’ideale è andarci subito. Il perchè è presto detto: dalle 16-17 in poi solitamente i tavoli son tutti prenotati e si viene più o meno educatamente fatti spostare (se esistono sedie libere) o cacciati fuori. Le prenotazioni, da quel che so, sono praticamente inaccessibili a breve termine. Locale per praghesi doc, difficile vedere troppi turisti, e questo è un bene, ovviamente. Birra eccellente a prezzi che paragonati a quelli italiani risultano ridicoli (35-40 CZK la 0.5), si mangia anche qualcosa, ma quest’anno non mi son buttato sulle cibarie, che invece avevo provato nel lontano 2003 e non mi avevano colpito. Servizio “sgustoso”, pochi sorrisi, si ordina, si beve e stop. Viene più o meno automaticamente messo un bicchiere pieno non appena si svuota il precedente. Per sospendere la bevuta, uno dei metodi più usati è quello del sottobicchiere a coprire il boccale. Grazie alle irrispettate leggi antifumo ceche, per chi come me non è amante della sigaretta, il locale risulta sicuramente un pò troppo “fumoso”.
Sito: http://www.uzlatehotygra.cz

Kolkovna (V Kolkovna)
Nel quartiere ebraico a fronte della Sinagoga Spagnola e a due passi dal Cimitero Ebraico, è il primo locale praghese ad aver servito la celebre Pilsner Urquell (di cui potrete trovare ogni sorta di gadget compresi degli splendidi boccali in ceramica), che lì viene spillata direttamente dal tank da 300lt, non filtrata, ed ovviamente è di qualità eccezionale. Prezzi anche qui decisamente bassi (75 CZK per il litro, 40 per la 0.5). Si mangia, e bene (tanti piatti tradizionali, di buona quantità e qualità, tra cui un gustosissimo piatto di salsicce miste della casa). Tra tutti quanti, probabilmente il posto più “in” da visitare, sicuramente il più comodo e spazioso, e l’unico che divide fumatori e non. Io ci son stato tre volte in tre giorni.
Sito: http://www.kolkovna.cz/index.php?place=11&show=hot

U Cerneho Vola (Il Toro nero)
A Hradčany, molto vicino al Santuario di Loreta, non lontano dal Castello. L’entrata non è particolarmente visibile, si trova sulla sinistra (dando le spalle al Castello) proprio di fronte ad un’edicola che fa angolo con Loreta. Piccolissimo (40 posti a sedere se si sta stretti), i due burberi gestori non sono poroprio due milord, si mangiano poche cose e tutte già pronte (formaggio firtto, patatine, uovo e prosciutto, poca altro. Esiste un menù in inglese anche se non è presente sul tavolo).  Le tre loro birre sono la classica Pilsner Urquell e le due Kozel 10 (la Kozel Cerny, scura, piuttosto buona) e Kozel 12 (Lager), la bionda davvero niente male. Prezzi decisamente i più bassi tra le birrerie recensite in questo articolo (io ho preso 3 birre da 0.5, due formaggi fritti e ho speso attorno ai 150 CZK, circa 6 euro). Tipicissimo anche questo locale, anche qui si fuma ma essendo meno affollato rispetto al Tygra, l’aria risulta ben più respirabile. Nota di colore, fate ben attenzione al “bancone”, che da noi farebbe fatica ad essere usato in una rudimentale e rusticissima fiera agricola.
Sito (non ufficiale): http://www.allpraha.com/d/31229/U_Cerneho_Vola/

U Kalicha (Il Calice)
Spostiamoci ora in un’altra parte di Praga per vedere U Kalicha. Qua siamo non lontani da p.zza Venceslao, nella zona appena fuori dal “giro” turistico. Io consiglierei eventualmente un pranzo, di sera la zona non è che sia il massimo della vita (niente di pericoloso, anzi, ma sicuramente non è centro). Si mangia (bene, anche qui piatti tradizionali e menù addirittura in italiano), è forse assieme al Fleku la più cara tra le birrerie storiche, e dopo Fleku sicuramente quella più “commerciale” e turistica. Anche qua non c’è un gran servizio, le porzioni di birra sono di norma 0.5 per le donne, 1lt per gli uomini (e non lo chiedono), e la loro  birra Svejka (più che discreta) viene accompagnata da mandorle spellate ( che ci stanno “come il cacio sui maccheroni”). Insomma, U Kalicha non è un must assoluto, ma ci si può fare un salto, anche se in zona probabilmente non ci capiterete quasi mai.
Sito: http://www.ukalicha.cz/shop/index.php?lang=IT

U Fleku
Qui so che mi attirerò delle critiche ma Fleku, con tutti le dovute proporzioni, è la HB praghese, e purtroppo la HB vince il confronto. Questo perchè è imballato di turisti (specialmente italiani e russi), incasinatissima di gente che tende a fare un pò troppo casino. Si mangia appena appena decentemente (piatti tipici), è la più cara delle birrerie e soprattutto i camerieri non demordono nel volervi vendere bicchierini e bicchierini  di Becherovka, che, al contrario di quanto dicono, non si sposa per nulla con la birra della casa. Oltretutto, un bicchierino costa come 2 boccali. Particolarità proprio del Fleku non è solo che pagherete decisamente di più per una birra, ma ne riceverete anche meno: al contrario delle altre Pivovar, qui è servita la 0.4 anzichè la 0.5. La birra è una lager scura (forse uno dei pochi esempi mondiali), 6 gradi, abbastanza dolciastra, che personalmente stanca abbastanza presto. Già nella visita del 2003 non ero rimasto affascinato da luogo e birra, a sto giro proprio ho dato l’addio ufficiale, e non credo ci tornerò più.
Sito (n italiano): http://it.ufleku.cz/

U Hrocha (L’Ippopotamo)
Sulla parallela della Nerudova che da Ponte Carlo va verso il Castello, è un piccolo locale piuttosto fumoso e zeppo di gente (del loco). Purtroppo quando son andato non c’era nemmeno un mezzometro quadro di spazio vitale per poter valutare il locale, ma chi c’è stato ne parla bene.

Detto questo, altri posti son presenti a Praga, e vi invito a riportare nei commenti le vostre segnalazioni.

Mattia

p.s. seguiteci su FB e su Twitter… e iscrivetevi al nostro RSS!

Maltus Faber – Genova

Category : Birra, Locali, PintaPerfetta, Viaggi

Nel mio ultimo articolo sulla Compagnia del Luppolo, ho accennato del desiderio di Gabriele di iniziare una serie di “gite” ai birrifici italici. La prima di queste esperienze si è tenuta domenica 29 presso il Maltus Faber di Genova, in una giornata grigetta e piovosa.

Durante la partenza in pulmann ho intuito subito le potenzialità cialtrone del viaggio dalla presenza di qualche dettaglio:

–  Gruppo ben compatto (in tutti i sensi, ci si sarebbe potuto fare un eccellente pacchetto di mischia con ottimi piloni, seconda e terza linea)
–  Il megafono, gioia e dolore di tutto il viaggio
–  I cori da stadio prima, da festa della birra poi, vicentini dopo gli assaggi più tosti.
–  La voglia di bere birra
–  L’idiozia in generale.

La destinazione come raccontavo poco sopra è stata presso il birrificio Maltus Faber, realtà molto giovane ma di cui avevo sentito parlare in gran bene (anche il buon Alessio assaggiò qualcosa al Villaggio della Birra) , con un programma di tutto rispetto fatto dell’assaggio completo della linea di produzione, visita dell’impianto e foraggiamento vario alla panza (focacce, pranzo, dolci, ecc.. ).
Maltus Faber nasce in parte dei vecchi stabilimenti del Birrificio Cervisia (oramai dismesso dopo una lunga e tribolata storia), dalla passione di Fausto Marenco e Massimo Versace.

La produzione è figlia di un passato fatto di passione personale e una serie di esperimenti riusciti capaci di dare la spinta necessaria all’apertura di un’attività vera e propria.
Nel giro in “fabbrica” (parola un po’ grossa data le dimensioni ridotte), è stato possibile osservare un impianto ordinato, pulito e funzionale, prodotto su misura e ideazione degli stessi fondatori e con una piccola (ma graziosa) sala visitatori.
Da Maltus è possibile trovare una linea di 8 birre di chiara ispirazione belga, presenti tutto l’anno all’eccezione della stagionale natalizia e tutte prodotte con lo stesso ceppo di lievito.
Quindi visto che qua si parla di birre, raccontiamole come si sono presentate lungo gli assaggi svolti in parte in birrificio e in parte durante il pranzo.
L’introduzione, accompagnata dalla classica focaccia genovese, è stata affidata alla Bianca, una blanche molto beverina ma piuttosto atipica per la sua tipologia.
Infatti pur presentando i tipici profumi agrumati, a detta di Fausto e Massimo, è una blanche prodotta senza l’utilizzo di spezie e che quindi trova note aromatiche esclusivamente alla scelta di malti e luppoli.
Gli assaggi successivi si sono svolti in ristorante (di cui tralascio i cibi, discreti senza eccellere), con una degustazione della Blonde, Ambrata e Brune.
La Blonde rimane la birra più sottotono della serie, più interessante per profumi tipicamente “belgi” che al palato. Della Ambrata invece ricordo il sapore di caramello ma ben bilanciato dall’amaro del luppolo, una discreta birra.
La Brune rimane la migliore della serie al ristorante (comunque tutte tra il discreto e il buono), una scura molto bevibile per la tipologia, con sapori di frutta secca in evidenza.

Il meglio degli assaggi però devo confessare lo si è avuto nel rientro in fabbrica, con un filotto, accompagnato da panettoni caserecci, costituito dalla Triple Blonde, dalla Natalizia, dalla Extra Brune e dalla Imperial Stout.
Da racconti di corridoio mi è giunta la notizia che la Triple assaggiata presentava un tono sperimentale rispetto al solito (e a come effettivamente me la ricordavo io), con una nota amara e una secchezza eccessiva per la tipologia. Del dolce promesso al naso rimane poco al palato.
La Natalizia invece si presenta come natalizia e si comporta da Triple.
Più dolce, avvolgente e complessa della precedente. Probabilmente migliorabile, ma già una buona birra.
I capolavori però attendevano pazienti per il finale, con l’Extra Brune e l’Imperial Stout.
Raccontando l‘Extra Brune, Massimo ha accennato delle richieste fatte dal Belgio per degustazioni e manifestazioni, e dei confronti fatti con la monumentale Rochefort 10.
Dopo l’assaggio non ho problemi a credergli in quanto l’Extra Brune è realmente un’ottima birra (ancora sotto la Rochefort 10, ma infondo si parla di un pilastro nel mondo della birra).
Il colore è scuro, i profumi intensissimi e il sapore fa pensare a qualche frate trappista fuggito verso il sole dell’Italia.
Complessa, dalla schiuma pannosa, piena e gustosa anche al palato, con una bevibilità sorprendente per la tipologia, l’Extra Brune finisce tranquillamente tra le prime della categoria in Italia.
Il passaggio successivo dell’Imperial Stout ha ampliato ulteriormente un sorriso già largo.
Del tipico colore nero, con una schiuma leggera e non troppo persistente, l’Imperial Stout conferma le attese con profumi e sapori di torrefazione, liquirizia e una note lieve ma piacevole di cioccolato.
Il finale è etilico e amaro, in conclusione molto positivo.

Per concludere, le solite ma oramai scontate conclusioni finali.

Dal punto di vista organizzativo un plauso a Gabriele della Compagnia del Luppolo per il viaggio in sé. L’idea, l’organizzazione e i costi più che onesti sono da promozione sicura.
Parlando di Maltus Faber il giudizio non può che essere in generale positivo. Quando mi raccontarono di un birrificio italiano di chiara impronta belga rimasi un po’ scettico, ma devo dire che i loro prodotti sono di sicura qualità e immagino (vista la competenza e sensibilità mostrata) tendenti a un ulteriore miglioramento futuro.
Unica nota un po’ dolente riguarda i costi delle bottiglie, che nonostante lo sconto “gita”, rimangono a mio avviso un po’ eccessivi.
La dimensione ridotta dell’impianto sicuramente comporterà costi, il sistema Italia non sarà tra i più funzionali del mondo (anzi, vero il contrario), ma pagare 2 volte e mezzo in più l’Imperial Stout rispetto alla ‘t Smisje Catherine (tanto per fare un nome), o l’Extra Brune il doppio secco rispetto alla Rochefort 10 mi pare troppo.
E’ giusto ricordare che si tratta di un problema generale di gran parte della produzione italica, spero che la diffusione e l’aumento dei sostenitori possa aiutare a smorzare un po’ questa tendenza senza minarne la qualità.

Ps, ringrazio Antonella e Elisa per le foto..