Guida Rapida di Cardiff

4

Category : Locali, Viaggi

Non che Cardiff sia una località particolarmente turistica, anzi, ma se mai foste di passaggio, o in città per questioni prettamente rugbystiche (come me), ecco un breve decalogo dei pochi luoghi da visitare e dei tanti luoghi da ignorare.
Comincio col dire che non c’è nulla che mi abbia entusiasmato: molti, moltissimi pub sono in realtà delle catene, e la stragrande maggioranza è di proprietà della Brains, che ha la sede proprio nella capitale gallese, e la fa ovviamente da padrone.

Di pub in linea di massima ne salvo tre, uno sulla via principale e due vicinissimi al centro. Poi ne vengono due in linea di massima decenti, e concludono la serie migliaia di posti che non meritano visita alcuna.

Il trio delle (piccolissime) meraviglie
The Goat Major, High St. praticamente di fronte al ponte levatoio del castello è la miglior proposta in città. Non enorme, ha una qualità eccezionale, che è il “numero chiuso”: non ci sarà mai affollamento all’interno perchè il buttafuori all’ingresso farà entrare le persone in maniera proporzionata a quante ne usciranno. Cinque-sei birre commerciali trovabili ovunque e 10 birre a pompa, di cui tre Real Ales e le restanti sette della Brains (ecco, mi chiedo come sia possibile sentire la differenza tra sette Ale di stile inglese di una sola marca). Il Goat Major è un pub storico di Cardiff ed è situato in una delle pochissime case ancora a tralicci.

Il The Cayo, Cathedral Rd, è segnalato dal 2006 ad oggi sulla Good Beer Guide versione UK. Rispetto al Goat Major è appena fuori dal centro, ma raggiungibile a piedi in 5 minuti dal Millennium Stadium. Abbastanza spazioso, anche se diviso in svariate sale che lo rendono un pò “labirintico” e con un bel giardino estivo fronte-strada, presenta le solite commerciali e 6 Real Ales a pompa. Io ero di particolare fretta e ho notato (e bevuto) con piacere una Wychwood Paddy’s Tout, bella corposa e cioccolatosa. Simpatica anche l’iniziativa con cui è il cliente a scegliere, attraverso un questionario, quali saranno le birre ospiti in futuro.

Y Mochyn Du, che in gallese significa Il Maiale Nero (non chiedetemi quale sia la parola che identifica “maiale”), si trova a 50 metri dal The Cayo, all’interno del parco di Sophia Garden. La casetta in cui è ospitato appare cone un mix tra la casa degli gnomi a Gardaland e una vecchia stazione-casa cantoniera completamente ristrutturata. L’interno è enorme, il bancone a pianta quadrata prende la parte centrale e tutto intorno alle vetrate ci sono i tavoli (presente anche un ampio giardino). Anche qui, oltre alle commerciali che sono presenti in grande quantità (almeno una dozzina, compresa la Moretti!) ci son tre Real Ales a pompa. Provate tutte e tre e se non ricordo il nome, (nè ho avuto la voglia di scriverlo) vuol dire che non erano niente di particolare.

A questo punto, vi starete chiedendo… “orca ma se questo era il meglio, adesso che si scende a livelli infimi che ci aspetta?”
Domanda legittima, e risposta scontata: “il nulla”.

L’incognita
Ne segnalo due, di locali, così, velocemente, che a prima vista mi avevano semi-ispirato ma in cui non son riuscito ad entrare: il Cardiff Cottage, 25 St. Mary st., uno dei pub più antichi della città, segnalato sulla Good Beer Guide 2009, che però fa parte della catena Brains. Di fronte al castello, c’è invece la Rummers Tavern, Duke St., ospitata in un inconfondibile palazzo a tralicci. Questi due sono forse i soli locali che potrei consigliarvi di provare nel caso gli altri tre fossero pieni, chiusi o sprofondati.

I maxischermi
Prima di visitare Cardiff, nessuna città o locale inglese, diciamo britannico in questo caso, mi aveva mai lanciato il messaggio “meglio avere 50 televisori ultrapiatti e un dolby sproporzionato piuttosto che della buona birra”: nella capitale gallese invece succede il contrario. Sono tanti, tantissimi i pub che pubblicizzano gli ingressi con mega-cartelloni dove si sfidano a suon di pixel, HD e canali satellitari invece che malti e luppoli. Il mio consiglio è di stare alla larga da tutti questi locali, da catene tipo O’Neill eccetera.

E, per carità, non andata a mangiare da Wok to Walk alle 3 e mezza del mattino. Fatelo per il vostro bene.
Al contrario, High St. e St. Mary St. dopo le 23 sono una fucina di fenomeni da baraccone: armatevi di telecamera e farete serata.

[Evento c/o] Arrogant Pub, Scandiano (RE)

1

Category : Locali

Era l’occasione di festeggiare il primo compleanno dell’Arrogant Pub di Scandiano (RE) (mappa), e non me la sono lasciata scappare. Per un motivo più che valido: l’offerta delle spine per questo evento era di primissimo ordine, e non si poteva certo mancare.
Ho iniziato la serata con una Schizoid di Toccalmatto, in formissima come già due settimane fa a Rimini, ha davvero un forte carattere, profumatissima e ben bilanciata. Nel “furioso” ruotare dei nomi sulla lavagna delle spine, ho avuto appena il tempo di assaggiare al volo una St. Peter’s Ipa (che non mi ha particolarmente soddisfatto: dolcina e stucchevole) prima di fiondarmi a mani basse sulla Rasputin (De Molen). L’imperial stout olandese è davvero qualcosa di eccezionale: a parte i suoi gradi alcolici, il profumo di caffè e di tostato, il corpo decisamente vellutato e morbido e un gusto che non aveva alcuna voglia di sparire, la rendevano praticamente perfetta.

Nel successivo passaggio, ho preso una Mikkeller Single Hop Tomahawk, già sentita a Rimini, e anche qui nulla da dire: amara come si vuole, pur essendo molto meno profumata della Schizoid, ha forse una persistenza maggiore. Buona, molto molto buona. Lo step dopo è stato invece tragico: dovendo aspettare una ventina di minuti per il cambio spine (quello che c’era su in quel momento lo avevo già abbondantemente assaggiato in altre occasioni), ho deciso di prendere una Bad Elf (Ridgeway): mai scelta fu peggiore. Poi probabilmente va a gusti, ci mancherebbe, ma questa bitter proprio non ha nulla per cui valga la pena prenderla. Stucchevolissima per il suo gusto dolciastro e pesante, non dà alcun piacere sensoriale, se non la voglia di finire presto il bicchiere o sbolognarlo alla ragazza (che però, avendo le papille gustative intatte, non accetta).

Dovendo recuperare l’equilibrio del palato… mi arriva l’occasione giusta con la magnifica e strepitosa Cantillon Rosè de Gambrinus, sicuramente la mia preferita del birrificio di Bruxelles. Il bicchiere non dura più di tre minuti, e finalmente un’espressione soddisfatta si restaura sul mio volto. La mia ragazza, che mi ha assecondato per tutto il tempo (lode a lei!), ormai mi guarda storto e così decido di prendere l’ultima birra della serata. Sapendo che sta per arrivare la BrewDog Tokyo 18°, cerco di temporeggiare, ma l’alcolicissima birra scozzese non si manifesta in tempo, e così “ripiego” su una Lambrate Imperial Ghisa. Il confronto con la Rasputin è quasi automatico, l’Imperial Ghisa ha molti pregi (tra cui l’impatto visivo, una schiuma meravigliosa e profumi molto marcati) e alla fine, a mio modesto parere, ritengo che le due birre si equivalgano. Tra quelle che non ho assaggioato in questa occasione, Fantome Gillmor, BrewDog Punk Ipa, Cinnamon Bitter Ale, Fumè de Sanglier.

Da lì a poco sarebbero arrivate altre rinomate birre, ma il mio tempo era giunto al termine. Serata piacevolissima in un locale che nell’ultimo anno ha conquistato “punti”, e che non mancherò di visitare spesso e volentieri nei prossimi tempi. Solitamente le spine presenti sono 5-6 più una o due a caduta o a pompa. Non mancano mai le italiane Tipopils e Wudù, le altre sono in costante rotazione, con predilezione per BrewDog, americane e belghe. Notevole anche l’assortimento in bottiglia e, mi dicono – io non ho provato – anche la cucina: per questo spazio a prossimi aggiornamenti.

mattia

Birroteca “Al Goblet”, Modena

2

Category : Locali

Scriviamo ora di quello che è diventato uno dei (se non “il”) locali più frequentati di Modena: la Birroteca Al Goblet (sito): Goblet che vuol dire “Calice”, sia in francese che in inglese, e infatti metà delle persone lo chiama in modo anglofono e metà alla transalpina. Il locale è in pieno centro storico di Modena, nella vivace zona della Pomposa (dal nome della chiesa e della piazza antistante), dove coesistono locali ben diversi gli uni dagli altri, e dove buona parte della movida cittadina si ritrova il venerdì e il sabato.

Il locale, aperto soltanto a luglio 2008, è abbastanza piccolo (una trentina di posti a sedere nei vari tavolini da 4, più il dehors esterno che tiene una ventina di persone) e nelle serate affollate o con maltempo non è sempre semplice trovare un posto a sedere. Il bancone, particolarmente curato, offre 10 spine in ottone: le classiche e fisse sono Auerbrau (Rosenheimer), Fischer, Murphy’s Stout, Erdinger Weiss, Goldenfire, Affligem Blonde, Affligem Rouge, La Chouffe. Le altre due spine ogni tanto ruotano (ultimamente Blanche de Namur, Chouffe N’Ice) e ogni tanto vengono occupate dalle produzioni del locale. Avete capito bene: i gestori del locale sono due dei tre soci del Birrificio Emiliano di Ponte Samoggia e sono l’unico locale (sicuramente a Modena e dintorni, ma per ora credo al mondo vista la “tiratura” ridotta del Birrifico) ad avere le loro spine. La Forum Gallorum è una bionda chiara, abbastanza luppolata, da 6%, ottima bevibilità. La rossa, che prende il nome di Pomposa (come detto, la piazza in cui si trova il locale) ha 6.2%, in stile Ale inglese, è ben bilanciata pur non essendo particolarmente corposa. In arrivo so di certo che ci sarà la nuova produzione dei San Geminiano (dal nome del patrono di Modena), che verrà prodotta seguendo una ricetta per una Blonde belga.

Al di là delle spine (che purtroppo va detto: la rotazione è per ora praticamente nulla) il locale offre più di cento etichette tra birre belghe, italiane, americane, olandesi, britanniche, tedesche e chi più ne ha più ne metta: alcune etichette come Jaipur e Kipling (Thornbridge), tutte le trappiste, un ottimo assortimento di Cantillon, tutta la linea della Dupont e del Ducato, Sierra Nevada, Brooklyn, Flying Dog, BrewDog sono solo alcune delle proposte. Sulle bottiglie la varietà è decisamente più in “movimento” rispetto alle spine e non manca mai qualche bella sorpresa. Simpatica anche la possibilità di affittare una megabrocca da 2lt, farsela riempire della birra preferita e portarsela a casa per berla assieme agli amici.

Il locale offre un buon servizio di paninoteca, con specialità tagliere di salumi e formaggi con tigelle. Ogni tanto il Goblet organizza eventi a tema come abbinamenti cibo-birra, cene a base di sushi, imperdibili degustazioni di formaggi o serate musicali con dj. Il servizio è iper cortese e particolarmente “alla mano”. E’ aperto tutti i giorni dalle 18 all’1 e nel weekend fino alle 2: happy hour halle 18 alle 20.30.

Insomma, Modena città non offre ancora troppo dal punto di vista birraio, e non ci si può fare problemi nel consigliare questo bel locale. Se solo la scelta delle spine ruotasse di più, magari affidandosi un pò di più al coraggio invece che al mantenimento dello status quo, potrebbe veramente far fare un enorme salto di qualità al Goblet, portandolo di diritto  tra i migliori locali in provincia e in regione.

mattia

AGGIORNAMENTO Maggio 2011.
Le cose non son cambiate molto dall’articolo. Le birre alla spina sono le stesse identiche, non son mai cambiate (Affligem, Auerbrau Export, Goldenfire, Muphy’s Stout, La Chouffe, Erdinger), e questo è un lato deludente. Le spine dedicate al Birrificio Emiliano sono aumentate e sono diventate 3 fisse, a rotazione. Cancellati praticamente tutti gli eventi come le degustazioni e le serate particolari, rimane solo la festa del birrificio a metà Dicembre. Le referenze in bottiglia sono sempre parecchie e abbastanza varie ma in generale  si tratta di cose particolarmente facili da trovare (tra cui però pochissime italiane: oltre alle bottiglie del Birrificio Emiliano, rimangono solo qualche Ducato e alcune Baladin). Il locale rimane sempre molto affollato, in qualsiasi sera della settimana, nel weekend è davvero difficile trovare posto (tranne in estate che invece il “dentro” rimane deserto). Purtroppo la grande affluenza si ripercuote moltissimo sulla modalità di servizio, che rimane estremamente cortese ma molto frettoloso: la spinatura delle birre è fatta in pochissimi secondi, il che non le fa di certo rendere al massimo.

Degustabirra 2009

Category : Birra

Siamo alla terza edizione del Degustabirra (la prima a cui partecipo personalmente, da utente ovviamente), interessante iniziativa mantovana sulla birra artigianale italiana.
Innanzitutto è importante ricordarsi la location dell’evento per prendere le giuste misure nei commenti finali: Degustabirra 2009 si è svolto a Gorvernolo , piccola frazione di Roncoferraro, che con paio di migliaia di abitanti si situa nella sponda sinistra nel Mincio, in mezzo alla campagna e alla natura.
Braccia da Lambrusco, per citare un’azzeccata citazione udita durante una chiaccherata, capaci di produrre vino genuino, manicaretti deliziosi ma senza una particolare storia birraia alle spalle.
Le caratteristiche del luogo quindi aiutano a capire molto le scelte effettuate nell’organizzazione dell’evento, delle sfide affrontate e delle risorse utilizzabili. L’obiettivo dichiarato dagli organizzatori di Degustabirra è stato quello di promuovere e diffondere l’idea di qualità della birra nelle produzioni esclusivamente artigianali di origine italiana.

100_2530

La manifestazione prevedeva quasi 100 birre, praticamente tutte in bottiglia (tranne l’ottima Yerba del Bidu, la Wabi dell’Orso Verde, la Furor del Gallia Omnia e le birre “locali” del Freccia e di Corte Pilone, tutte alla spina)
Il programma della mostra mercato ha previsto momenti di assaggio guidati, di laboratori di abbinamento cibo-birra particolarmente legati ai prodotti tipici del territorio.

L’aperitivo inaugurale della sera di sabato ha mostrato subito l’aspetto didattico e divulgativo alla base delle quattro giornate espositive.
Accompagnato dai tradizionali stuzzichini (i soliti tramezzini, pizzette e simili), i partecipanti sono stati guidati da Fabiano Toffoli, esperto birraio del “32 via dei birrai”, nell’assaggio di tre birre selezionate.
Guardandomi attorno, ho osservato un pubblico vario, fatto sia di esperti che di novizi assoluti che ascoltavano rapiti le parole di Toffoli nella descrizione organolettica delle birre, della loro presentazione, della modalità di degustazione.
Il primo assaggio proposto è stata una bottiglia di Aura del birrificio Lariano, in stile Belgian Ale, una birra dal robusto tenore alcolico, dal boccato dolce con note lievi di luppolo in chiusura. Personalmente non ne sono rimasto particolarmente colpito, birra un po’ anonima.
Nel secondo assaggio ci si è trovati davanti una Flora Sambuco del birrificio Menaresta di Carate Brianza.
Nel bicchiere presentava una bella schiuma persistente, un profumo molto intenso, dei fiori del sambuco (guarda un pò.. 🙂 ) e in genere floreale, fresco. Al palato invece si mostrava decisamente meno accattivamente rispetto al profumo, con un sapore più leggero e delicato, rinfrescante ma non troppo persistente. Da “annusare” in estate e da bere a secchiate per dissetarsi in sostanza.
Per concludere, l’ultimo assaggio è stata una semi-anteprima visto che si trattava di un prodotto di un birrificio giovanissimo. Abbiamo assaggiato, infatti, una “Nebbia della bassa” del birrificio il Beerbante, non molto distante da Parma.
Al naso presentava subito le forti tonalità dell’affumicato e di olive nere in salamoia. All’assaggio l’affumicato rimaneva il sapore dominante, in modo prepotente (non estremo come la Fumè du Sanglier però) , capace di oscurare gli altri componenti e creando una birra poco equilibrata, piacevole per chi ama il “monosapore” presente.
Una scelta comunque coraggiosa per un birrificio di nuovissima fondazione.

Finiti gli assaggi dell’aperitivo, il programma presentava una cena di degustazione accompagnata dalle birre straconosciute (per gli amanti dell’artigianale italiano almeno) del birrificio del Ducato.
L’unica “sorpresa” imprevista è stata la sostituzione della Vis prevista come accompagnamento del dolce con una “Via Lattea” del Birrificio Lodigiano, una Sweet Stout sintetizzata meravigliosamente dalla mia compagna nella definizione di birra-caffè-latte.

100_2538

L’apertura del banco mescita è stato per me il momento più atteso, accompagnato da un forte scroscio di pioggia, ma non sufficiente a spegnere il desiderio dei primi assaggi. Il tutto era organizzato in modo abbastanza semplice, con l’acquisto di un bicchiere al costo di 6 euro compresi due assaggi da 0,10 cc (e 1 euro per ogni assaggio successivo). Al banco principale si otteneva un menù ben organizzato delle birre presenti, suddivise sia per regioni e produttore che per tipologia di birra. Il servizio partiva da bottiglia, con una mescita abbastanza generosa la prima sera, più vicina allo 0,1 nel proseguo. I ragazzi al banco non mi hanno dato l’impressione di conoscere molto cosa avessero tra le mani, ma obiettivamente capisco la difficoltà di presentare 4/5 sommelier (che spesso sono pure arroganti… :/ ) in un evento così giovane.

Finita la prima sera, di cui tralascio i numerosi assaggi, il secondo giorno portava da programma la presentazione di una guida della Slow Food su i biffici artigianali italiani.
Presentazione saggiamente accorpata a un gustoso pranzo fatto di salumi come antipasto, risotto coi puntei (e un quintale di salsiccia… slurp… ) e con una Lager di Corte Pilone.

100_2546

Lager piuttosto standard, con ben in evidenza il malto e il luppolo, molto beverina, definita dai produttori come birra agricola per il suo essere prodotta in un’azienda agricola a partire dalla coltivazione delle materie prime.

La mia seconda giornata ha portato il secondo giro alla mescita, fatto di assaggi realmente interessanti come l’Oppale e l’Audace del “32 via dei Birrai” , la Sibilla del Toccalmatto, la Dieci del Bruton e tante altre.

Ora tralasciando i nomi e i gusti, mi lascio a qualche considerazione a ruota libera.

Ammirevole intanto l’impegno osservato nell’organizzazione del tutto, nella classica lotta tra forze volenterose e un po’ di velata ostilità istituzionale o forse semplicemente disinteresse. Ci vorranno anni per portare nelle teste della maggioranza la consapevolezza del valore del prodotto birra e, quando questo accadrà, sarà sicuramente per la cocciutaggine di queste esperienze.
La scelta della bottiglia come via di servizio nasce di conseguenza dai piccoli numeri di partenza degli appassionati che rende impraticabile l’apertura di svariati fusti di birra differente.
Spero sinceramente che il nostro parlar bene, e il parlar bene di chi qualcosa di birra capisce, possa aumentare la presenza di pubblico e permettere qualche spina extra, in grado di valorizzare ulteriormente la qualità del prodotto.
Mi sento di fare un piccolo appunto sul servizio al banco, con ragazzi volenterosi ma non sempre ben istruiti (che fatica a volte ottenere le 2 dita di schiuma nel boccale), che devono avere il coraggio di “redarguire” il cliente poco informato e sfatare il triste mito sull’inutilità della schiuma.
Altro suggerimento riguarda il bicchiere, a cui forse un logo o una denominazione sopra impressa poteva dare un tocco più personale e accattivamente. Su quale forma di bicchiere utilizzare si rischia di cadere in questioni di lana caprina, in quanto è impossibile creare il bicchiere universale per birre così diverse, lasciando quindi solo alla puntigliosità eccessiva una sua critica.
La scelta dell’abbinamento cibo-birra, pur non essendo mai stata una delle mie vie preferite, può dare una spinta enorme a queste manifestazioni aumentando di non poco il bacino potenziale dei clienti, attirati dalla promessa di un buon risotto e sedotti (si spera) dal gusto di una buona birra. (Nota di servizio, consiglio sempre di prenotare i laboratori di degustazione, i posti sono limitati e sono momenti realmente meritevoli).

100_2547

Un aspetto a mio avviso da migliorare riguarda la vendita di bottiglie all’interno della mostra mercato (questo è un problema comune a molti eventi): penso sia più razionale decidere a priori in modo netto se effettuarla o meno, piuttosto che presentare scorte non eccessive con prezzi un po’ casuali e sicuramente più alti di molti beer-shop. Una vendita così effettuata, infatti, ha lasciato alcune birre esaurite prima del tempo e al tempo stesso non ha portato una grandissima convenienza nell’acquisto in quantità rilevanti di prodotti di non sempre facile reperimento.
Meglio forse uno stand a parte per la vendita, con prezzi meglio calibrati da bottiglia a bottiglia.
Comunque questi sono dettagli, migliorabili ma che non intaccano il cuore “buono” alla base dell’iniziativa.
Il supporto locale e di gruppi nazionali sempre più forte potrà fare la differenza, nomi come Slow Food o Compagnia del Luppolo e altri spero potranno dare una spinta importante e nel nostro piccolo anche Pintaperfetta rema in questa direzione.
Il primo Degustabirra partì quasi per caso, nel secondo ci furono 57 birre differenti, quest’anno quasi 100.
Cosa ci proporrà la prossima edizione Degustabirra? Noi di sicuro saremo là a verificare! 🙂

Addio pinta di vetro?

1

Category : Notizie in breve, Varie

L’allarme, per fortuna di noi italiani, pare limitato ai cittadini di sua maestà Elisabetta II. Per farla breve, dato che gli inglesi al terzo gallone diventano nostalgici e ci può scappare la rissa (citazione obbligatoria), pare che si stia pensando di eliminare la classica pinta in vetro per sostituirla con materiali meno dannosi (magari il plasticone dell’Ikea e di alcune feste all’aperto, che può essere anche vagamente “stiloso”, ma in quanto a gusto….), come se i veri colpevoli delle risse fossero i bicchieri e non chi li ha in mano.

La notizia è rimbalzata sui principali siti italiani (Corriere e Repubblica, tra gli altri) e di bocca in bocca tra gli appassionati di birra. Noi avevamo in programma un sentito “J’accuse” in difesa della pinta perfetta, vale a dire quella in vetro, ma siamo stati preceduti dall’ottimo Andrea Turco sul suo sito Cronache Di Birra.

Le nostre perplessità su un’iniziativa di questo genere sono le stesse: puoi anche affidare lo studio alle migliori menti, ma se ti tocca scartare tutti i materiali più indicati (vetro, metalli, coccio) restano solo plastica e derivati. Con buona pace della tradizione, del gusto e di tutti i normali consumatori di pinta che verranno brutalizzati da questa decisione. Personalmente troviamo agghiacciante l’idea di bere una Real Ale (le birre simbolo del Regno Unito) in bicchiere di plastica.