Birreggio 2009

3

Category : Eventi

Birreggio 2009, giunto alla seconda edizione, si è svolto dal 2 al 5 di luglio in quel di Reggio Emilia, poco distante dallo stadio Giglio. Una sagra paesana tipicamente estiva con un contorno di appassionati di buona birra. Potrei riassumere in questa frase l’evento di quest’anno a cui ho partecipato la sera di sabato 4.

L’elenco delle birre proposte alla spina era particolarmente ghiotto, in cui si trovava una scelta di birrifici artigianali italiani e di nomi noti (per chi la sera non beve Nastro Azzurro ovviamente) di spine estere. Snocciolando i presenti, la formazione italiana la sera di sabato “schierava” le birre dell’Orso Verde (Rebelde, Vertigo, Chiara, Wabi e Backdoor Bitter quest’ultima rigorosamente spillata a pompa), quelle del Birrificio del Ducato (assaggiato la ViaEmilia) e del Birrificio Birrone. Tra gli ospiti esteri purtroppo ho mancato la serata delle Cantillon e sono arrivato agli sgoccioli dell’ultima Oerbier dell’ottimo De Dolle. In compenso come graditissima sorpresa ho trovato tre spine americane, assolutamente inaspettate e fuori programma, e nello specifico la Sierra Nevada Pale Ale, e due della Flying Dog (Snake Dog IPA e Classic Pale Ale). Il tutto all’aperto, con contorno alla serata di buona musica dal vivo caciarona (cover band Ac/Dc, Beatles, Rolling Stones e simili), tavolate mangerecce (fantastico il gnocco fritto) e tanta voglia di divertirsi.

Birreggio 2009

Fatta l’introduzione classica del “dove, cosa, quando ecc…” , lascio lo spazio a qualche considerazione personale. Innanzitutto apprezzabilissima l’idea di proporre a un pubblico non prettamente di appassionati la possibilità di assaggiare prodotti di qualità, in particolare italiani. Spesso nelle feste paesane abbonda musica, divertimento, quello che si vuole insieme ma accompagnato da pessima birra annacquata. Quindi mi trovo pienamente favorevole nello sfruttare questi eventi per promuovere prodotti di qualità ma che non debbano essere necessariamente di nicchia. Il prezzo (3 euro), sicuramente popolare e conveniente data la varietà di prodotti ha sicuramente aiutato il tutto. In aggiunta mi piace ricordare l’atmosfera molto conviviale dell’evento, con i birrai piuttosto disponibili al confronto (certo se mi avessero aperto la Oerbier…. ) con la voglia di conoscere e farsi conoscere. Qualche appunto lo dovrei fare sulla scelta dei bicchieri in plastica, anche se è comprensibile la difficoltà data la forma dell’evento nel dare bicchieri adatti per ogni birra. Altro aspetto meno scintillate è stata la “tendata salva patente”, idea grandiosa in sé ma purtroppo andata semi-deserta (probabilmente il tempaccio in arrivo non ha aiutato), lasciandomi praticamente unico coraggioso a dormire sotto le stelle. La cotta “pubblica” è stata una piacevole aggiunta, utilissima per i newbie completi in materia, e interessante trovata per gli homebrewer più scafati per condividere le proprie impressioni e esperienze sulla produzione artigianale..

Man mano che la serata andava alla sua conclusione, con un pubblico sempre più selezionato, la componente “passione” si è mostrata nei suoi lati più piacevoli. I classici “racconti di battaglia” di produzione, di viaggi, di sboronate alcoliche mi hanno ricordato come sia proprio dietro queste esperienze che sta crescendo una cultura del buon bere. Le conclusioni non possono che essere positive quindi, sperando che eventi come questo possano solo aumentare e rendere meno a macchia di leopardo la diffusione della birra di qualità.