Guida alla California (3/3): San Diego e dintorni

1

Category : Viaggi

Ripartiamo dal mastodontico agglomerato urbano che risponde al nome di Los Angeles e continuiamo verso sud. Andando verso San Diego le mete di pellegrinaggio brassicolo fioccano, ma la nostra scelta ricade sul Pizza Port (di) Carlsbad, delizioso surf pub che, come suggerisce il nome, abbina ottime birre a una buona pizzeria – ricordando sempre che non siamo a Sorrento, quindi aspettatevi una pesantissima, ma oggettivamente buona, pizza in stile americano. La scelta delle birre non si limita ad un’eccellente offerta locale, ma offre anche una serie di birre europee a rotazione di tutto rispetto: al mio passaggio c’erano, giusto per la cronaca, De Molen Hel & Verdoemenis e 3 Fonteinen Oude Geuze. Ciliegina sulla torta una serie di videogiochi dei tempi che furono possono intrattenervi nell’attesa della pizza. Io, però, ho deciso di colmare l’attesa del mio pranzo con una pinta di Port Wipeout IPA e bagnare la pizza con l’altrettanto deliziosa Pizza Port Sharkbite Red Ale. Scelte di per sé ottime, certo è che queste due signorine unite alla non frugale pizza non sono certamente consigliabili se in programma non avete una pennichella.

Sta di fatto che con un macigno navigante nell’alcol in pancia, torniamo in macchina per giungere a destinazione. San Diego è relativamente piccola e se avete l’hotel nel quartiere Gaslamp (cosa che consiglio) potete dimenticare la macchina e girare la sera a piedi in quella che potrebbe sembrare – porto militare escluso – una comune località marittima italiana. Il locale migliore della zona come offerta di birre è quasi certamente The Local dove però il manager ha deciso di non accettare la patente come documento di riconoscimento (unico posto in cui ci sia successo), ma la curiosità mi ha comunque portato a tornare il giorno dopo per bere una fantastica, e sottolineo fantastica AleSmith IPA che di certo non ha bisogno di presentazioni. Girando la zona testiamo inizialmente la Rock Bottom Brewery (Point Break Pale Ale, tutto tranne che indimenticabile) e successivamente ci facciamo attirare da un duetto acustico che risuona in tutto l’isolato dalla Gaslamp Tavern ,dove la bevuta di una Firestone Union Jack IPA (slurp!) viene accompagnata da una memorabile rivisitazione di Because – The Beatles e dall’evergreen Hotel California. La serata vede la sua fine con una Stone Oaked Arrogant Bastard Ale servita a una temperatura molto prossima al congelamento in un locale completamente anonimo di cui, mi scuso, non ricordo assolutamente il nome.

In programma c’era ovviamente la visita dell’AleSmith Brewery, ma il caso ha voluto che la mattina precedente alla visita corrispondesse con la scoperta di una spiaggetta a La Jolla dove la sabbia bianca e un’ondoso mare azzurro si univano alla più alta concentrazione di apprezzabilissime giovani donzelle mai registrata sul pianeta; il rilevamento fuori scala ha chiaramente sfasato il mio orologio biologico e tra una cosa e l’altra quando ho guardato l’orologio erano già le 5 del pomeriggio: id est bye bye visita all’AleSmith. Sono conscio della perdita, ma spero che voi lettori siate comprensivi; per rimediare ho comunque inserito in cima alla lista una visita in occasione del mio prossimo ulteriore viaggio nel Golden State a fine agosto. Di ritorno da La Jolla obbligatorio è l’aperitivo al tramonto alla Pacific Beach Brewery dove la rinfrescante e degna di nota Pacific Beach Crystal Pier Pale Ale verrà offuscata dal panorama che si gode dalla terrazza al primo piano (la foto è lievemente mossa, ma rende comunque l’idea).

Un po’ come già raccontato per il Village Idiot a Los Angeles la mia caldissima raccomandazione per una cenetta va ad un ristorante che da fuori di notte sembra una mezza bettola, ma dentro il look è sorprendentemente accogliente (consiglio la prenotazione perché il posto è veramente piccolo, a memoria direi 5-6 tavoli), e si tratta del Ritual Tavern: qui, la simpatica gestrice sarà il vostro Virgilio, necessario per uscire indenni dalla selva oscura dell’abbinamento del cibo (ottimo, sia la carne che il pesce) con una delle tantissime birre offerte (nel sito ufficiale non sono riportate tutte e mancano tutte le spine a rotazione). Non ricordo con esattezza cosa ho mangiato, ma la Alpine Nelson IPA spillata a pompa con l’antipasto, la Mad River Steelhead Scotch Porter con (se non sbaglio) un filetto e un gran finale con la North Coast Old Rasputin Russian Imperial Stout ad accompagnare il dolce, promuovono a pieni voti quello che è stato quasi sicuramente  il ristorante migliore delle 2 settimane.

Vicini alla fine della nostra avventura non ci restava che portare la nostra famigerata e truzzissima Dodge Avenger blu metallizzato con tanto di spoiler con il tragitto da Laguna Beach a Palm Springs via Highway 74, 79, 371 e di nuovo 74, per quella che si è rivelata un’altra strada incantevole. Dopo una leggera cena a Palm Springs nel carino (inteso come bellino e anche un po’ caro) Matchbox (Anderson Valley Barney Flats Oatmeal Stout) e una sana dormita no ci restava che attraversare il Joshua Tree National Park e la Mojave National Preserve per giungere alla nostra destinazione ultima, Las Vegas, riguardo cui non ho molti consigli da darvi se non di mangiare quello che per me (e anche per le mie compagne di viaggio) è stato l’hamburger più buono della vita al BLT nel Mirage Hotel, dove, come se non bastasse, potete gustare questa delizia con una Stone IPA, che magari non è la birra più buona della vita, ma ci va perlomeno vicina!

Per il resto, consigli su come divertirsi e apprezzare Las Vegas non servono, anche se ricordate che for a loser, Vegas is the meanest town on earth.  ~Hunter S. Thompson

Lorenzo
(ringrazio mia sorella Livia per le foto)

Guida alla California (2/3): Highway 1 & Los Angeles

Category : Viaggi

Vi avevo (colpevolmente) lasciato in una “una truzzissima Dodge Avenger blu metallizzato con tanto di spoiler” all’ombra del Golden Gate Bridge, ma sono certo che nessuno avrebbe il coraggio di lamentarsi per esser stato abbandonato a San Francisco…

Il viaggio verso sud con meta San Diego si svolge lungo la straordinaria, leggendaria e indescrivibile Highway 1: la strada e il paesaggio sono così belli che quasi ci si può dimenticare di malti e luppoli. Se passate da queste parti con il caldo e non disdegnate una giornata in spiaggia il mio consiglio è di saltare a piè pari Santa Cruz e dirigervi dritti dritti a Carmel-by-the-Sea dove una calma unica e una spiaggia bianchissima vi aspettano – per gli appassionati di golf, qui è dove si trova il Pebble Beach Golf Course. Appena entrati in paese fermatevi alla Bruno’s Grocery, fatevi fare un bel paninazzo e tirate giù qualche bottiglia dal frigo soprendentemente fornito: dirigetevi quindi in spiaggia e gustatevi qualche ora di paradiso condita, nel mio caso, da una Lagunitas Sonoma Farmhouse Hop Stoopid, assolutamente all’altezza della spiaggia bianca e il mare turchese.

Carmel-by-the-Sea: scusate se non cè nessuna birra in questa immagine, ma dovevo convincervi a non lasciarvi scappare questo posto incantevole!

Carmel-by-the-Sea: scusate se non c'è nessuna birra in questa immagine, ma dovevo convincervi a non lasciarvi scappare questo posto incantevole!

Proseguendo verso sud, dopo una notte passata in un motel a Big Sur (più o meno lo scenario ideale per un film horror in cui a un certo punto uno dei protagonisti sfodera l’evergreen: “OK, dividiamoci!”), condita da svariate birre in bottiglia collezionate per la strada (tra le varie non posso non citare New Belgium Ranger IPA e Sierra Nevada Torpedo Extra IPA), si riparte al mattino presto con destinazione Santa Barbara. Inevitabile, e consigliatissima, è la visita all’Hearst Castle (Mr. Hearst è il personaggio a cui Citizen Kane – Quarto Potere – è ispirato): si “perdono” 2-3 ore, ma valgono assolutamente la visita di questo posto incredibile e la guida vi farà apprezzare a fondo il personaggio che ha creato dal nulla un posto indescrivibile (io sono sempre stato contro le visite guidate, principalmente perchè eternamente noiose, ma questa, oltre a essere obbligatoria, è veramente straordinaria, nda). Ok, scusate la parentesi da Lonely Planet dei poveri e torno in carreggiata: la sosta di servizio per il pranzo è prevista a San Luis Obispo, per l’esattezza al Novo Restaurant, dove un’insalatina e un’ottima e fresca Firestone Walker 31 California Pale Ale, servite in un’accogliente giardino/patio mi offrono ristoro data la giornata esageratamente calda. Una volta giunti a Santa Barbara dopo un pomeriggio di spiaggia e una serata di shopping e cazzeggio ci troviamo alle 10 di sera passate con una buona dose di fame e sete: volendo evitare un ristorante optiamo per il Santa Barbara Brewing Company pub, dove un discreto cheesburger viene bagnato dalle beverine, ma non indimenticabili, XPA, IPA e Ocean IPA. La serata si conclude con una compagnia conosciuta all’ostello composta dal proprietario e altri locals che inizialmente mi portano in un club in cui si sta svolgendo una gay-night… non essendo molto propensi usciamo e ci dirigiamo verso un’altro club dove una buona Firestone Walker Double Barrel Ale (DBA) mi fa compagnia mentre vengo approcciato, questa volta, da un’avvenente 30enne – di sicuro un bel passo in avanti rispetto alla zia 40enne del Toronado (ma che bellissimo posto la California!!!).

Barneys Beanery, Los Angeles

Barney's Beanery, Los Angeles

L’ultimo paragrafo di questa puntata è dedicato a Los Angeles, volutamente non approfondita sotto l’aspetto brassicolo, destinato all’ampliamento dato il mio futuro soggiorno per 8 giorni ad Agosto. Ma gli spunti e i consigli certamente non mancano: per esempio la Barney’s Beanery, storica destinazione per i viaggiatori westbound lungo la storica route 66 e, come se non bastasse, si narra che Quentin Tarantino abbia scritto la sceneggiatura di Pulp Fiction proprio su questo bancone, che ha anche avuto tra i suoi abituali frequentatori Jim Morrison, Jimi Hendrix e Janis Joplin, che proprio qui ha avuto il suo ultimo drink. Sono solo le 3 del pomeriggio, quindi non mi posso spaccare anche perchè sono l’unico over 25 della spedizione, quindi l’unico a poter guidare (sigh!): mi faccio quindi consigliare da una simpaticissima cameriera montenegrina, che mi delizia con un’ottima e rinfrescante Samuel Adams Imperial Pilsner. La sera un’ottima cena al Village Idiot, ristorante nel quartiere indie di Melrose Blv (non fatevi ingannare dall’aspetto esteriore, da fuori sembra una bettola, dentro è invitante e accogliente, riuscendo comunque a essere molto alla mano) accompagnata da una Bear Republic Hop Rod Rye Ale e dalla locale Craftsman Heavenly Hefe concludono quella che per il momento è la mia esperienza di LA per quanto riguarda malti, luppoli & co.

Non ci resta che risalire sulla macchina truzza e scendere verso la splendida San Diego, per poi finire a Sin City, Las Vegas… (…e prometto che non vi faccio aspettare altri 2 mesi per la terza parte!)

Lorenzo

Guida alla California (1/3): San Francisco

5

Category : Viaggi

Disclaimer: la West Coast Good Beer Guide è uno strumento più che affidabile per muoversi senza prendere (troppe) cantonate; ratebeer&co inoltre sono sicuramente più attendibili di me per valutare la bontà di una birra.  Detto questo nei prossimi 2-3 articoli vi racconterò in che locali e birre mi sono imbattuto in questi bei 20 giorni e 2500km alla scoperta della California, aggiungendo qualche commento personale ai suggerimenti della Good Beer Guide, che mi ha fatto da stella cometa.

Tutto ha inizio a San Francisco, arrivo alle 6 del pomeriggio circa con un jet lag e un sonno micidiale, decido che l’unico modo per arrivare a sera è quello di bere una buona birra nel posto relativamente più vicino al mio albergo. La scelta ricade sulla Rogue Ales Public House, memore dell’articolo di Giacomo dell’anno scorso. Non mi soffermo quindi sul locale, in cui sono anche tornato qualche sera dopo e Shakespeare Stout, Morimoto Black Obi Soba Ale e Mocha Porter non hanno bisogno di commenti: voglio però aggiungere che se vi capita di passare di lì e non sapete ancora dove mangiare, il sushi dall’altro lato della strada è molto buono e particolarmente economico, nonostante l’apparenza abbastanza posh!
Ma non voglio annoiarvi con i miei aneddoti e passo subito al sodo: a SF ci sono bar a migliaia, se capitate li per una conferenza molto probabilmente sarete al Moscone Center, di conseguenza una capatina al Thirsty Bear è d’obbligo: l’ambiente accogliente, un’ottima paella, la degustazione da $10 delle 9 principali birre da loro prodotte – spiccano Howard Street IPA, Meyer ESB e Brown Bear – e un’ottima cask conditioned ale a rotazione non vi lasceranno delusi. Ah, quasi dimenticavo, per chi come me fosse un first timer negli States, la mancia si lascia anche al pub (in linea di massima $1 a drink).

Degustazione al Thirsty Bear

Degustazione al Thirsty Bear

La palma di miglior posto di SF va a Toronado: pochi tavoli, musica alta, migliaia di adesivi, cimeli appesi ovunque e tante spine di ottima qualità lo portano a mio parere a un gradino sopra gli altri. Per soddisfare la fame prendete un’hot dog dal locale nexdoor e dite che lo mangiate dentro Toronado. Qui la selezione è di altissima qualità e non di certo a discapito della quantità. Sfortunatamente (e stupidamente) mi sono fermato per una Russian River Blind Pig IPA veloce – e farmi approcciare da una 40enne – convinto di tornarci nelle sere successive per approfondire la conoscenza (del locale!), ma purtroppo non sono potuto tornare. Una volta da quelle parti potete continuare lungo Haigh St. verso il Magnolia Pub!

Toronado, quella lista di cartellini bianchi nel centro-sinistra della foto è la lista delle spine!

Toronado, quella lista di cartellini bianchi nel centro-sinistra della foto è la lista delle spine!

Delude invece la Jack’s Cannery, più di 100 spine ma molte commerciali o non di alta qualità o assenti, inoltre la saltuaria mancanza totale di cibo e la desolazione che presenta nel caso il locale – enorme – sia mezzo vuoto, sono dei motivi abbastanza validi per farvelo cancellare dalla wishlist e non farvi apprezzare una buona Bear Republic Racer 5 e una Mount Tam IPA tutt’altro che indimenticabile. Rimanendo in centro è da menzionare il Tunnel Top, che nonostante le poche spine con un paio di chicche (Speakeasy Big Daddy IPA ad esempio) e ottimi cocktail è sicuramente il posto giusto dove andare per una birra volante (o due), con dell’ottima musica di sottofondo e Paura e Delirio a Las Vegas proiettato sul muro. Il Tunnel Top diventa utile nel caso dobbiate aspettare un tavolo per un’ottima – e relativamente costosa – cena nel ristorante di fianco: l’ex Crudo Bar, ora The Swell (la gestione è la stessa, solo il nome è cambiato) dove potrete abbinare dell’ottimo pesce a una Hitachino Nest White Ale o alla Red Rice Ale (consiglio di gran lunga la prima, anche a chi, come me, non ama le birre bianche).

Per concludere la rassegna sulla Città sulla Baia, nel caso vi troviate dalle parti di The Mission, lo Zeitgeist è il tipico bar underground di San Francisco dove potete bere una Lagunitas IPA, una Stone IPA o una Russian River Damnation in uno spazioso beer garden decorato da murales con elefanti volanti da un lato e biciclette appese d’altro, o entrare e fare una partita a biliardo dopo aver selezionato una canzone da il Jukebox più punk (quello vero!) che io abbia mai visto, con l’aggiunta di un paio di band indie della SF Bay area. Se siete fortunati potreste anche vedere Quentin Tarantino entrare per una birretta!

A questo punto era arrivata l’ora di prendere la macchina noleggiata, una truzzissima Dodge Avenger blu metallizzato con tanto di spoiler (…) e dirigersi verso sud, rotta su LA via Big Sur…

Lorenzo

Nota1: la San Francisco Brewing Company e il 12 Galaxies hanno chiuso i battenti!

Nota2: ringrazio i rispettivi autori delle foto, dato che quelle fatte da me facevano schifo!

Guida di sopravvivenza – Trento

Category : Beershop, Birra, Locali, PintaPerfetta

Trento è una città in cui “prima o poi ci si capita”, per il suo essere graziosamente turistica o per i mercatini natalizi o per la stagione sciistica invernale.
Bere birra a Trento però, birra buona, non è un’impresa così semplice come può apparire. Da questa premessa nasce la mia breve guida di sopravvivenza in una città in cui vivo da (troppi) anni e che purtroppo è ben distante dall’essere un’oasi felice per la birra artigianale e di qualità.
Innanzitutto uno degli ostacoli maggiori è dato dalla clientela stessa. I « giovani » sono in gran parte interessati alla quantità, al minor costo, allo sfondarsi di birraccia da happy hours, sbobba annacquata di cui potrei dire ogni male possibile. Dove invece gira la grana, tra i cosiddetti « borghesi », l’offerta e la storia vinicola è sufficiente a colmare le richieste affibbiando alla birra il ruolo che può avere un succo di frutta: dissetare se fa caldo o al limite sbronzare qualche adolescente alle prime armi.
Un ulteriore ostacolo è dato dalla presenza, quasi invadente nella zona, del birrificio Forst in quel di Lagundo, non troppo distante da Merano. La Forst probabilmente è uno dei rari esempi di prodotto altoatesino amato nel Trentino, dove un po’ per sana tradizione montagnina, un po’ per la classica chiusura provinciale italiana, si è portati a magnificare le lodi di qualsiasi cosa prodotta in loco e di diffidare di conseguenza delle novità portate dai « foresti ».
Quindi trovare un bar che serve Forst a Trento è come trovare una boulangerie a Parigi, impresa veramente semplice. Raccontare la Forst è piuttosto banale. Discreta pils, buona doppelbock ma rimane comunque un prodotto industriale.
Passando in rassegna i luoghi della città, non posso che iniziare dalla birreria Pedavena (di cui potete osservare il sito particolarmente trash, alzate il volume della casse e gustatevi l’intro… )
Da non confondere con l’omonima di Feltre, il Pedavena si trova poco fuori le mura, in zona ancora centrale e turistica.
Il locale è enorme, esteticamente invitante e attrezzato per ricevere le frotte di turisti alla ricerca di un luogo caratteristico per un pranzo e un boccale.
Il cibo è senza infamia e senza lode, anche per la quantità stile mensa di persone che al suo interno girano (per mangiare attraversate la strada, all’ottima Trattoria del Volt), mentre la birra è prodotta in casa.
La birreria segue la legge di purezza tedesca offrendo una lager piuttosto ordinaria, una bock non eccelsa e una buona Weiss. Il problema di fondo, a mio avviso, è nella gestione del locale : frenetica e a volte “dittatoriale” che poco punta sulla qualità del servizio e molto invece sulla velocità e sulla capienza e aspetto delle sale.
I baristi ruotano frequentemente (mentre la birra è sempre quella), non affinandosi mai e sembrando scelti più per la pazienza che per la competenza. Un ricordo su tutti è il mesto bicchiere della schiuma, preparato a parte e usato indistintamente su tutte le birre per il rabbocco in caso di necessità. Roba da bollino rosso a vita.


Altre alternative birrose purtroppo sono legate a locali, anche ben gestiti e curati, ma nati e tutt’oggi vissuti per il vino, che timidamente si affacciano nella mescita di birra.

Tra questi segnalo l’osteria della Mal’Ombra, nel sud della città e l’enoteca della Sgeva nella zona nord. Nel primo si trova la promessa perenne (spero prima o poi mantenuta) di 2 spine di birra artigianale e una lista di circa 15 bottiglie di birra artigianale italiana, con una tendenza dolente alle birre di castagne che personalmente non amo.
La Sgeva invece è ancora più rudimentale, con bottiglie di Baladin, Hy e Montegioco (se la memoria non mi tradisce), vendute però a prezzi esorbitanti.
Ultima segnalazione più speranzosa verso il futuro è data dall’enoteca Grado 12°, in pieno centro storico.
Enoteca di ottimo livello per quanto riguarda i vini, il personale impeccabile e la presentazione dei prodotti, negli ultimi mesi si sta progressivamente aprendo alla vendita di bottiglie di birra di qualità.
La rotazione dei prodotti è abbastanza costante, si intuisce il desiderio di provarci e nell’offerta di circa 30 bottiglie è spesso possibile reperire prodotti non banali (come la belga Embrasse o l’americana Brooklyn Local 1) e a prezzi invitanti.
Concludo questa breve rassegna, ricordando che questa è una guida di sopravvivenza. Trento ad oggi ha un’offerta limitata, forse in crescita e il meglio che posso consigliarvi è di passarci le vacanze, girare i mercatini, ma se non siete dei feticisti della Forst, bevete altrove.