Programma BeVeg – presso Arci Girone a Fiesole (FI)

9

Category : Eventi, Festival

Qualche riga per segnalare un evento a cui collaboro personalmente. E’ una manifestazione dedicata alla birra artigianale e alla cucina vegetariana, forse la prima nel suo genere a combinare due universi un po’ distanti. Io mi sono occupato, come potrete immaginare, della gestione birraria.

E’ articolata su due weekend, vale a dire quello del 14-15-16 ottobre 2011 e quello immediatamente successivo (21-22-23 ottobre 2011). Per ogni weekend abbiamo scelto tre birrifici che venissero a presentare e servire le proprie produzioni. Una piccola ma significativa rappresentanza di birrifici di cui abbiamo che i frequentatori del nostro sito conoscono bene, avendone parlato in occasione di festival, fiere ed eventi.

I birrifici saranno così distribuiti:

14-15-16 ottobre 2011:

Birrificio Emiliano – Anzola nell’Emilia (BO)

Birrificio Endorama – Grassobbio (BG)

Birrificio Mosto Dolce– Prato (PO)

21-22-23 ottobre 2011:

Birrificio Bad Attitude – Stabio (Canton Ticino, CH)

Birrificio Brewfist – Codogno (PV)

Birrificio Dada – Correggio (RE)

L’evento si svolgerà in orario serale (19-23.30 circa) al circolo Arci del Girone nel comune di Fiesole, alle porte di Firenze. Nella giornata di domenica, si apre a pranzo (ore 12 circa) e si tira fino a chiusura. Sono previsti concerti, mercatini e laboratori per bambini.

 

Ancora eventi: febbraio/marzo!

1

Category : Fiere, Rassegne

Per chi fosse distratto e non consultasse il calendario qui a fianco 🙂

Riepiloghiamo qui gli eventi di febbraio che ancora non avevamo segnalato e i nuovi appuntamenti per marzo.

Public House 27 – Firenze (febbraio/marzo/aprile)
Serie di incontri domenicali con i birrai di L’Olmaia, Mostodolce, Brùton, Birrificio del Ducato e Birra del Borgo. Il tutto organizzato da Public House 27, FermentoBirra e Studio Umami.

Il calendario in breve prevede:
– 7 febbraio: L’Olmaia
– 21 febbraio: Mostodolce
– 7 marzo: Brùton
– 21 marzo: Birrificio del Ducato
– 4 aprile: Birra del Borgo

Inoltre le birre di ciascun birrificio saranno disponibili presso il locale per circa due settimane dalla data dell’incontro.

RistorExpo/Birre e dintorni – LarioFiere/Erba (CO) (14-17 febbraio)

Ristorexpo, salone dedicato alle attrezzature, prodotti e servizi per la ristorazione professionale, vedrà quest’anno uno spazio dedicato al mondo della birra artigianale italiana, o piuttosto regionale.
La manifestazione prevede degustazioni guidate gratuite e la partecipazione diretta dei birrifici Bi-Du, Birrificio Italiano, Doppio Malto, Lariano, Menaresta e Orso Verde.

Segnaliamo, inoltre, che alla manifestazione sarà presente anche uno stand della Locanda del Monaco Felice (pad.A), che porterà in degustazione 20 spine di birra artigianale (di cui 5 a pompa) di birrifici italiani ed esteri tra cui Kerkom, Spezial, Jever, Radeberger, Ducato, Theresianer, Brew Dog e Ridgeway.

L’ingresso è gratuito per gli operatori del settore muniti di invito, mentre il prezzo di ingresso al pubblico “non professionale” è di 7€.

Italia Beer Festival – Milano (5-7 marzo)

Rinnovato l’appuntamento con l’Italia Beer Festival a Milano. Per questa quinta edizione, Associazione Degustatori Birra prevede la partecipazione di ben 31 birrifici, alcuni eventi tra lunedì e giovedì prima della manifestazione presso alcuni locali della città, musica dal vivo e stand gastronomici.
I prezzi dell’ingresso alla fiera:
8 Euro comprensivo di bicchiere e porta bicchiere;
Prezzo ridotto (6 euro) per chi entra il venerdi’ prima delle 19, il sabato prima delle 17 e la domenica prima delle 15;
Ingresso e consumazioni gratuite il lunedi’ per i soli operatori previa presentazione visura camerale.

L’appuntamento è al Palalido (piazza Carlo Stuparich), noi di Pintaperfetta non mancheremo sicuramente!

Un tram che si chiama desiderio…di birra! – Milano (20 marzo)

Occasione insolita per degustare birra artigianale facendovi scorrazzare in giro per le strade di Milano in tram, in compagnia di ottimi mastri birrai.

L’evento è organizzato da Bomb’s Guide e prevede la partecipazione dei birrifici Bi-Du, Orso Verde, Lambrate, Olmaia e Montegioco, ciascuno con il proprio birraio.

Prenotazione ovviamente obbligatoria.

Costo 32€, che comprendono passaggio tram, birra a volontà e buffet.

Cena alla Birreria Centrale – Firenze

Category : Eventi

Organizzatore :

Birreria Centrale

Breve descrizione :

Una cena con protagonista la birra artigianale aspettando le feste…
A Firenze Studio Umami mercoledì 16 dicembre (ore 20.45) organizza una serata nella centralissima Birreria Centrale, proponendo un invitante menu abbinato ad eccellenti birre artigianali. Il ristorante, che da sempre offre birre in abbinamento ad una cucina tipica tedesca  e non solo, realizzerà tre piatti a cui verranno abbinate altrettanti prodotti artigianali italiani dei birrifici Maltus Faber (Liguria), Olmaia (Toscana) e Birra del Borgo (Lazio)
.

Questo il menu della cena (inizio ore 20.45):

Antipasto misto: Involtini tirolesi misti
Birra servita:
Genziana del Birrifio Birra del Borgo

Primi: Lasagne fatte in casa alla zucca e scamorza
Birra servita: Triple del Maltus Faber

Secondi: Stinco di maiale, gran piatto di wurstel e crauti
Birra servita:
Christmas Duck del Birrificio Olmaia

Pasticceria secca e caffè

32 euro birra inclusa


Posti limitati!!

Prenotazione obbligatoria:

info@studioumami.com
Tel: 3287184021


Dove :

Firenze, Birreria Centrale

Fonte


Cena con le birre di Almond ’22 – Firenze

Category : Eventi

Organizzatore :

Pinta Medicea

Breve descrizione :

Cena abbinata alle birre del birrificio Almond 22 (Irie, Maxima, Grand Cru, Torbata).

Dove :

Firenze, Osteria il giardino

Maggiori info su :


Pinta Medicea

La Birroteca di Greve – Greve In Chianti (FI)

1

Category : Locali

C’è chi ad avere un locale “interessante” per gli appassionati di birra ci arriva per gradi, chi quasi per caso, e chi invece già all’apertura ha ben chiaro un progetto in testa. E’ sicuramente il caso di Piso e Michela, che hanno inaugurato la Birroteca di Greve un mesetto fa con le idee ben chiare: una lista di bottiglie molto particolare, un menù ricco di ingredienti autoctoni e biologici e pure qualche idea per incentivare la pratica tanto in disuso (in Italia) del cosiddetto “guidatore sobrio”.

Ma andiamo per gradi. Gabriele (vero e proprio “Uomo del Giappone” del nostro blog) durante l’evento “Slow Beer” a Prato conosce Piso e Michela e viene a sapere della prossima apertura della Birroteca. Non riesce a presentarsi all’inaugurazione, ma un amico conferma una buona impressione. Approfittando di una mia visita in terra toscana, ci rechiamo insieme a Greve (dopo uno scollinamento nel cuore del Chianti e in una delle zone più belle della Toscana). Dopo qualche breve giro per la cittadina, complice anche un navigatore satellitare bizzoso, riusciamo a individuare la Birroteca e  a trovare parcheggio. La Birroteca si trova in uno slargo di via Vittorio Veneto (al 100) che è una vera e propria piazzetta.

Il locale è piccolino e molto accogliente, con un paio di linee di spina (entrambe della Hofbräuhaus di Monaco di Baviera) e un buon numero di birre in bottiglia. Le italiane sono soprattutto toscane (Amiata, Brùton, Olmaia, Cajun), ma non solo (l’ottimo e ormai onnipresente Ducato, più Cittavecchia e Almond 22), e rappresentano una presenza abbastanza compatta nella lista.

Le inevitabili belghe sono presenti in numero tutto sommato limitato rispetto alla media, e molto legato ai gusti dei gestori: diverse Dupont, qualche trappista (Orval, Westmalle, Rochefort)  e altro ancora, per un totale di poco meno di 30 bottiglie diverse circa.

La parte del padrone, caso abbastanza strano (e apprezzato), spetta all’offerta proveniente dai paesi di lingua inglese. Cominciamo con le scozzesi: il celebratissimo Brewdog apre le danze, con ampia scelta tra le loro proposte (comprese le spettacolari Paradox), poi Harviestoun e Orkney (di cui non finirò mai di apprezzare abbastanza la Red McGregor).

Gli inglesi probabilmente sono in testa per numero di bottiglie: tra i birrifici più noti in Italia di cui trovare ampia selezione alla Birroteca, non possiamo non menzionare Meantime, Ridgeway e St. Peter’s, tutti presenti con un ampio assortimento dei propri prodotti. La lista si chiude con le americane: potrete scegliere tra la totalità (o poco ci manca) delle Flying Dog e delle Anchor (come la Liberty Ale, forse la più famosa ale americana) e un paio di ottime Sierra Nevada.

In un’area come la provincia di Firenze, in cui la situazione birraia è abbastanza indietro rispetto ad altre regioni, qualcosa sta finalmente iniziando a muoversi. La Birroteca è un locale che non sfigurerebbe neanche in ben altri contesti, che non si mette in concorrenza con altri pub della zona ma va ad integrarsi nel panorama con un’offerta ampia, originale e di assoluta qualità. Se poi ci mettiamo anche che Greve in Chianti è proprio un bel posto dove si mangia benissimo, ben vengano altre iniziative del genere!

Una pinta? 8 euro!

11

Category : Birra

A Firenze è successa una cosa. I tre pub più centrali della città hanno aggiornato il listino portando il prezzo della pinta per le birre del gruppo Guinness, più alcune altre, a 8 euro.
Si viene a sapere che qualcuno, non credo sia importante sapere chi, ha acquistato i tre pub in questione, ovvero il JJ Cathedral di piazza del Duomo, il Michael Collins di piazza Signoria e l’Old Stove subito dietro piazza della Repubblica. Dall’alto di ciò che di fatto è un monopolio delle birre irlandesi nel centro storico di Firenze, è stata presa quella che sembra essere una decisione squisitamente commerciale: se volete una Guinness sganciate otto euro, altrimenti bevete altro.
Non è mia intenzione giudicare la strategia, i pub in questione sono frequentati per lo più da turisti molto giovani, spesso sprovvisti di mezzo di trasporto e quindi senza la possibilità uscire dal centro, che probabilmente sacrificheranno qualche euro in nome della rituale sbronza in gita.
Da fiorentino, mi sento un pochino preso per il portafogli (e per qualcos’altro). Otto euro sono oggettivamente un furto, e vi assicuro che nessuno dei 3 pub citati ha un impianto abbastanza curato da valerne anche solo la metà. Oltre al fatto che questa è l’ennesima mossa fatta da commercianti o pubblica amministrazione che sembra voler allontanare i fiorentini dal centro storico (ma questa non è la sede per parlarne).
Piuttosto che bere altro, quindi, nel mio piccolo preferisco bere altrove. Muovendosi un minimo le alternative non mancano, a partire dal Green Store di viale Malta (zona Stadio, dietro al Palasport) passando per il Braumeister di via Madonna della Tosse (vicino a piazza della Libertà) fino alla filiale di via Nazionale del Birrificio Mostodolce di Prato. Di questi locali parlaremo senz’altro in futuro.

Marzo, mese di birra e di fiere

1

Category : Eventi

Che dire? E’ tutto nel titolo, no?

Un mese ricco di appuntamenti più o meno imperdibili, per chi ama la buona birra. Dalla festa nazionale irlandese di S. Patrizio il 17 marzo (imperdibile nella verde Irlanda, ma che può riservare grandi cose anche nelle città con forti comunità anglosassoni: Boston, NY, o magari il ritrovo storico al Pogue Mahone in porta Romana a Milano, affollato fin dal pomeriggio) alle fiere dedicate a birra e cibo di qualità che nelle prossime settimane riempiranno i nostri e i vostri weekend.

Questo post, oltre che segnalarvi ciò che succederà, vi darà anche un’anteprima di ciò che seguiremo in prima persona.

Si comincia con lo Zythos Beer Festival, il più importante festival birrario del Belgio: per l’occasione si scatena il turismo birrario europeo da ogni dove, e in Italia è il solito Lorenzo “Kuaska” Dabove, come ogni anno, a organizzare la trasferta. Per Pintaperfetta lo seguirà Giacomo.

Il tour organizzato da Kuaska

Spostiamoci oltremanica: Lorenzo, che vi ha parlato dell’evento “indie” di Brighton, si recherà alla Town Hall di Hove per seguire la diciannovesima edizione del Sussex Beer Festival organizzata dalla sede locale della CAMRA. Dal 12 al 14 marzo si potranno degustare almeno 200 birre differenti, di cui oltre una settantina di produzione locale (Sussex, appunto).
Sito ufficiale della manifestazione

Subito dopo (dal 14 al 16 marzo 2009) a Firenze ritorna Taste, la tradizionale manifestazione dedicata al gusto. Degustazioni e presentazioni di vini, cibi e ovviamente birra. Tra i birrifici presenti alla scorsa edizione Birrificio Italiano, Baladin, 32 Via dei Birrai, Birrificio Cajun, L’Olmaia, Mostodolce, Grado Plato, Brùton, Lambrate, Birrificio del Ducato e White Dog, e interventi-degustazioni con Teo Musso (Baladin) e il già citato Kuaska. Complessivamente, però, l’impressione era di una fiera abbastanza troppo generalista per essere davvero soddisfacente per chi davvero segue con passione la birra artigianale italiana (e magari è in grado di trovare le stesse birre nei beer shop o in qualche birreria di fiducia). Ultima nota negativa, almeno secondo il nostro punto di vista, l’assenza totale di birre in fusto. Per maggiori informazioni c’è il Sito ufficiale di “Taste”.

E una settimana dopo, dal 20 al 23 marzo 2009, si svolgerà l’Italia Beer Festival di Milano (ex Salone della Birra Artigianale e di Qualità). La sede della manifestazione si è spostata dalla vecchia fiera cittadina (nota come Fieramilanocity) al Palalido di piazza Stuparich 1, palazzetto noto prevalentemente per manifestazioni sportive e concerti. Lo spostamento significa innanzitutto la separazione dalla fiera del fumetto e dei videogiochi Cartoomics, che invece resta in Fieramilanocity. Una brutta notizia, quindi, per chi amava un giro tra gli stand di fumetti e videogiochi tra una birra e l’altra. Il costo dell’ingresso resta pressoché invariato (8 euro contro i 9 della scorsa edizione: ma l’offerta, come detto, era ben diversa), e restano invariati rispetto al 2008 i costi delle birre (1 euro per la degustazione da 0,1L, 2 euro per 0,25L). Tra i birrifici confermati sul sito ufficiale al momento in cui scriviamo spiccano alcuni “nomi nuovi” come Toccalmatto (di cui si era parlato pochi giorni fa) e Menaresta, mentre la lista delle assenze rispetto alle passate edizioni sembra includere alcuni nomi ben noti ai nostri palati come 32 via dei Birrai, Manerba, Mosto Dolce e White Dog. Confermatissimi invece Bi.Du., Ducato, Orso Verde, Amiata e altri ancora.
Info su IBF Milano.

Cercheremo di seguire, raccontare e farvi (ri)vivere tutti questi eventi, con la possibile eccezione di Taste, che lo scorso anno non aveva riscosso grande successo nei nostri inviati.

Per ora è tutto, in questi giorni comincerò a raccontare la ricchissima trasferta olandese.