Tadalafil Buy Cheap | Lowest Price! Guaranteed Shipping

buy tadalafil powder buy tadalafil 20mg uk diclofenac gel and ibuprofen tablets ciprofloxacin ear drops generic diclofenac sodium tablets ip 50mg uses. Anafranil sr 75 mg 20 tablet use of diclofenac sodium tablets diclofenac na tablets diclofenac sodium extended release tablets usp monograph. Buy tadalafil online what is diclofenac sodium enteric coated tablets 50mg used for diclofenac tablets bp diclofenac sodium tablets name. Diclofenac sodium tablets uses use of diclofenac sodium and paracetamol tablets buy coumadin tester diclofenac tablets 100mg dosage. Diclofenac xr tablets diabecon himalaya price diclofenac sodium delayed release tablets 75 mg ciprodex ear drops generic ciprofloxacin generic drug. Diclofenac sodium enteric coated tablets 50mg dosage buy tadalafil 20mg what is diclofenac sodium 75mg ec tablets used for. Diclofenac sodium 25 mg enteric coated tablets diclofenaco sodico tabletas dosis niños diclofenac sodium tablets immediate release. Buy tadalafil mexico online buy diclofenac 50mg tablets ciprofloxacin genericon 500 mg diclofenac-ga tablets diclofenac sodium dr tablets medicine. Diclofenac matrix tablets diclofenac sodium tablets spc diclofenac sodium 75mg ec tablets dosage diclofenac tablets shelf life diclofenac sodium tablets 75mg. Tadalafil buy canada diclofenac tablets package insert diclofenac sodium tablet preparation buy coumadin uk diclofenac tablets dosage. Diclofenacum natricum tabletes diclofenac potassium tablets 50 mg diclofenac sodium film coated tablets diclofenac sodium tablets bp mechanism of action of diclofenac sodium tablets. buy tadalafil 5mg online diclofenac sodium serratiopeptidase tablets use diabecon price ciprofloxacin hydrochloride generic name diclofenac potassium paracetamol & serratiopeptidase tablets uses. Tadalafil tablets 20 mg buy buy tadalafil 20mg price diabecon tablets price novartis diclofenac tablets voveran d diclofenac sodium dispersible tablets serratiopeptidase and diclofenac potassium tablets uses. Diclofenac tablets bp 25mg buy tadalafil dapoxetine tadalafil 20 mg buy online diclofenac tablets ip 50 mg diclofenac sodium enteric coated tablets 50mg. What are diclofenac sodium enteric tablets used for diclofenaco 50 mg tabletas dosis tadalafil australia buy diclofenac sodium enteric coated tablets dissolution. online canadian pharmacy discount code diclofenac tablets bp 50 mg anafranil tablet yan etkileri diclofenaco 50 mg tabletas laproff pharmacy online discount code. Diclofenac potassium film coated tablets buy tadalafil in uk diclofenac tablets dispersible diclofenac potassium tablets dosage. Diclofenac sodium 75mg ec tablets wikipedia generico de ciproterona metformin medication uses diclofenac potassium tablets spc cipro hc otic generic. Diclofenac sodium 75mg ec tablets himalaya diabecon price in india uses of diclofenac sodium tablets diclofenac sodium tablets ip uses. Diclofenac sodium 75 mg oral enteric coated tablet diclofenac sodium tablet diclofenac rapid tablets tadalafil buy diclofenac 10 mg tablets. Diclofenaco potasico en tabletas diclofenac 100 sr tablets buy tadalafil generic diclofenac sodium tablets wikipedia. Buy generic cialis tadalafil diclofenac tablet strength diclofenac tablets for sale diclofenac tablets use diclofenac sodium tablets ciprofloxacin genericon 500 mg filmtabletten. Diclofenac sodium tablets for toothache maximum dose of diclofenac tablet diclofenac sodium tablets evaluation cialis tadalafil buy. Diclofenac potasico en tabletas diclofenac tablets reclassified as pom.

Cialis price usa Buy cipro 500mg online Propecia tablets price Purchase tadalis sx price australia

Il futuro del bolleke

Category : Birra, Notizie in breve

Ovvero, come si chiama il boccale classico da belga in Olanda e nella regione fiamminga del Belgio.

Se chiedete un bolleke (il bicchiere a balloon per eccellenza) vi arriverà una sola birra, se è tra quelle spillate dal locale: la De Koninck, ovvero l’aperitivo e il passatempo ideale di buona parte dei paesi sopra indicati.

La notizia, in breve, è che la Heineken sta comprando le attività della De Koninck. Questo include un centinaio abbondante di bar in giro per il Belgio (in particolare nella regione dove viene prodotta, vale a dire quella di Anversa), lo stabilimento, ma pare non includa il marchio e le ricette De Koninck, che invece dovrebbe essere destinata al più piccolo tra gli squali del mercato della birra belga, vale a dire la Duvel Moortgat.

Nonostante il blog di Roger Protz dica diversamente, fonti attendibili sembrano dire che si vada verso lo scenario appena descritto. Se fosse vero, sarebbe una ulteriore morsa dei grandi gruppi birrari verso il controllo della produzione e dei consumi della birra in Belgio, con tre grandi gruppi a fare la parte del leone (AB-InBev, Heineken e Duvel Moortgat). Se per i primi due gruppi è pratica abituale lavorare su questo tipo di azioni, per la Duvel Moortgat si tratterebbe di una ulteriore espansione dopo l’acquisizione dei marchi Chouffe (forse la birra belga più famosa fuori dal Benelux che non sia mai passata per le mani della Interbrew/Inbev/AB-Inbev) e Liefmans. Oltre alla birra “di abbazia” Maredsous, del cui nome la Duvel Moortgat è da sempre licenziataria.

Insomma, per tutti i piccoli produttori resterebbe il mercato locale* e una vaga possibilità di crescita legata più al mercato estero che a quello locale, perché da quelle parti è normale per un grosso gruppo birrario controllare anche la stragrande maggioranza dei pub del paese…

* chi ha girato un po’ il Belgio in cerca di birra può testimoniare come, al di là di grossi marchi o abbazie, nella regione francofona si bevano birre vallone e viceversa, con particolare attenzione ai marchi locali. Figuriamoci se il bar è diretta emanazione di un grosso gruppo….

Birroteca “Al Goblet”, Modena

2

Category : Locali

Scriviamo ora di quello che è diventato uno dei (se non “il”) locali più frequentati di Modena: la Birroteca Al Goblet (sito): Goblet che vuol dire “Calice”, sia in francese che in inglese, e infatti metà delle persone lo chiama in modo anglofono e metà alla transalpina. Il locale è in pieno centro storico di Modena, nella vivace zona della Pomposa (dal nome della chiesa e della piazza antistante), dove coesistono locali ben diversi gli uni dagli altri, e dove buona parte della movida cittadina si ritrova il venerdì e il sabato.

Il locale, aperto soltanto a luglio 2008, è abbastanza piccolo (una trentina di posti a sedere nei vari tavolini da 4, più il dehors esterno che tiene una ventina di persone) e nelle serate affollate o con maltempo non è sempre semplice trovare un posto a sedere. Il bancone, particolarmente curato, offre 10 spine in ottone: le classiche e fisse sono Auerbrau (Rosenheimer), Fischer, Murphy’s Stout, Erdinger Weiss, Goldenfire, Affligem Blonde, Affligem Rouge, La Chouffe. Le altre due spine ogni tanto ruotano (ultimamente Blanche de Namur, Chouffe N’Ice) e ogni tanto vengono occupate dalle produzioni del locale. Avete capito bene: i gestori del locale sono due dei tre soci del Birrificio Emiliano di Ponte Samoggia e sono l’unico locale (sicuramente a Modena e dintorni, ma per ora credo al mondo vista la “tiratura” ridotta del Birrifico) ad avere le loro spine. La Forum Gallorum è una bionda chiara, abbastanza luppolata, da 6%, ottima bevibilità. La rossa, che prende il nome di Pomposa (come detto, la piazza in cui si trova il locale) ha 6.2%, in stile Ale inglese, è ben bilanciata pur non essendo particolarmente corposa. In arrivo so di certo che ci sarà la nuova produzione dei San Geminiano (dal nome del patrono di Modena), che verrà prodotta seguendo una ricetta per una Blonde belga.

Al di là delle spine (che purtroppo va detto: la rotazione è per ora praticamente nulla) il locale offre più di cento etichette tra birre belghe, italiane, americane, olandesi, britanniche, tedesche e chi più ne ha più ne metta: alcune etichette come Jaipur e Kipling (Thornbridge), tutte le trappiste, un ottimo assortimento di Cantillon, tutta la linea della Dupont e del Ducato, Sierra Nevada, Brooklyn, Flying Dog, BrewDog sono solo alcune delle proposte. Sulle bottiglie la varietà è decisamente più in “movimento” rispetto alle spine e non manca mai qualche bella sorpresa. Simpatica anche la possibilità di affittare una megabrocca da 2lt, farsela riempire della birra preferita e portarsela a casa per berla assieme agli amici.

Il locale offre un buon servizio di paninoteca, con specialità tagliere di salumi e formaggi con tigelle. Ogni tanto il Goblet organizza eventi a tema come abbinamenti cibo-birra, cene a base di sushi, imperdibili degustazioni di formaggi o serate musicali con dj. Il servizio è iper cortese e particolarmente “alla mano”. E’ aperto tutti i giorni dalle 18 all’1 e nel weekend fino alle 2: happy hour halle 18 alle 20.30.

Insomma, Modena città non offre ancora troppo dal punto di vista birraio, e non ci si può fare problemi nel consigliare questo bel locale. Se solo la scelta delle spine ruotasse di più, magari affidandosi un pò di più al coraggio invece che al mantenimento dello status quo, potrebbe veramente far fare un enorme salto di qualità al Goblet, portandolo di diritto  tra i migliori locali in provincia e in regione.

mattia

AGGIORNAMENTO Maggio 2011.
Le cose non son cambiate molto dall’articolo. Le birre alla spina sono le stesse identiche, non son mai cambiate (Affligem, Auerbrau Export, Goldenfire, Muphy’s Stout, La Chouffe, Erdinger), e questo è un lato deludente. Le spine dedicate al Birrificio Emiliano sono aumentate e sono diventate 3 fisse, a rotazione. Cancellati praticamente tutti gli eventi come le degustazioni e le serate particolari, rimane solo la festa del birrificio a metà Dicembre. Le referenze in bottiglia sono sempre parecchie e abbastanza varie ma in generale  si tratta di cose particolarmente facili da trovare (tra cui però pochissime italiane: oltre alle bottiglie del Birrificio Emiliano, rimangono solo qualche Ducato e alcune Baladin). Il locale rimane sempre molto affollato, in qualsiasi sera della settimana, nel weekend è davvero difficile trovare posto (tranne in estate che invece il “dentro” rimane deserto). Purtroppo la grande affluenza si ripercuote moltissimo sulla modalità di servizio, che rimane estremamente cortese ma molto frettoloso: la spinatura delle birre è fatta in pochissimi secondi, il che non le fa di certo rendere al massimo.

Festival “Le bire de Nadal” al “Dome” (BG)

Category : Eventi

Presso il “The Dome” di Nembro va in scena nel weekend del 18-19 e 20 Dicembre la prima edizione del Festival “Le bire de Nadal”. Riportiamo qui le anticipazioni scritteci da Michele Galati.

Birre alla spina:
K9 (Flying Dog), Avec le Bons Voeux (Dupont), Christmas Ale (St. Bernardus), Christmas (Gouden Carolus), Pere Noel (De Ranke), Cuvee de Noel (St. Feuillien), Bashah & Stones (Brewdog), Santa’s Butt (Ridgeway), Bad Elf (Ridgeway), Santa’s Little Hepler (Mikkeler), Winterkininkske (Kerkom), Rasputin (De Molen), Tsjesees 2008 (Struise), Birra di Natale (Orso Verde), Brighella (Lambrate), X-treem (Bidu), Anteprima&Ultima (Montegioco).

Birre in bottiglia:
K9 (Flying Dog), Avec le Bons Voeux (Dupont), Christmas Ale (St. Bernardus), Christmas (Gouden Carolus), Pere Noel (De Ranke), Christmas 09 (Anchor), Tournay de Noel (Cazeau), Hibernation Ale (Great Divide), Rochefort Cuvee 09, N’Ice (Achouffe), Cuvee Mellieur Voeux (Rulles), Tsesees Reserva (Struise), Stille Nacht (De Dolle), Fra…Til (Mikkeler), Santa’s Little Hepler 08, Star Festival Special Ed. (Mikkeler), Cru de Noel (Almond 22), Birra di Natale (Maltus Faber), Platinum (Croce di Malto).

Birre “vintage”:
N’Ice (Achouffe), Christmas 07 (Anchor), Tournay de Noel (Cazeau), Rochefort Cuvee 08, Tsesees Reserva (Struise), Pannepot Reserva (Struise), Stille Nacht (De Dolle), Pere Noel (De Ranke), Cuvee Mellieur Voeux (Rulles), Santa Bee (Boelens), Canaster (glazen Toren), Special Noel (Abbaye des Rocs), Special Noel (Binchoise).

Orari di apertura:
Venerdì 18-03, Sabato 14-03, Domenica 12-23
Possibilità di degustazioni da 0,1o

Ci sarà la possibilità di partecipare ai laboratori:

  • Sabato ore 17.30
    Laboratorio “vintage” a 3 nasi, con Kuaska, Schigi e Giorgio
  • Domenica ore 17.30
    Laboratorio “produzioni 2009″ sempre a 3 nasi

Durante i laboratori verranno servite “le stuzzicherie di fabrio”, chef del The Dome
Prenotazione obbligatoria, costo di € 20.00 per laboratorio.

  • Domenica ore 13.00
    Primo pranzo di Natale
    Cannelloni gratinati ricotta & spinaci
    Stracotto di “maiale setoloso” con polenta
    Dolce, caffè e ammazzacaffè
    Ogni portata sarà accompagnata da una birra
    Prenotazione consigliata, costo € 30.00.

Per prenotazioni:
The Dome 035 522555 dopo le 15.00
cell. 3939315880
mail: galati.michele@virgilio.it
thedome1510@gmail.com
info@birrabelga.org

101 – Sassuolo (MO)

5

Category : Locali

Ecco un altro locale che si merita il nostro apprezzamento: si tratta del 101 di Sassuolo, in provincia di Modena. E’ proprio nel centro della cittadina (mappa) che ha sede questo locale, aperto dal 1974, che con l’attuale gestione (dal 1997) sta avendo un notevole successo. Scoperto grazie ad amici 3-4 anni fa, il 101 nasce come enoteca, ma nel corso degli anni, a causa della passione per la birra dei proprietari, il numero di etichette birraie comincia a crescere di pari passo con la qualità.

101, Sassuolo (MO)

Ad oggi si possono contare circa una settantina di birre in bottiglia provenienti da Belgio, UK, Usa, Germania, Italia e non solo. Tra queste si apprezzano anche molte particolarità e birre a volte sconosciute, che assieme ad una costante ricerca di prodotti validi danno al cliente sempre l’occasione di provare qualcosa di nuovo. Per esempio si trova una linea artigianale scozzese con le buone Fraoch e Alba, alcune lambic della Cantillon, alcune bottiglie della Rogue e nei periodi natalizi un’ampia selezione di birre di Natale (tra le altre anche la Stille Nacht e la San Bernardus alla spina).
Per quanto riguarda le linee alla spina, il locale ne vanta sei: a parte la Forst che è fissa e una Weiss a rotazione, altre due spine vengono tenute per una Stout (attualmente c’è la buona Oyster della PorterHouse) e per la Birra del Mese: ogni 30 giorni infatti una spina viene cambiata. Negli ultimi mesi son state presenti, tra le altre, la Ciney Triple e la Chimay e nei prossimi giorni, probabilmente già da quesa settimana, ci sarà la XX Bitter – e qui un giro di assaggio non dovrà davvero mancare per chi, come me, adora il prodotto della De Ranke. Ma il vero capolavoro l’abbiamo volutamente lasciato per ultimo: il 101 è l’unico locale della provincia (almeno) che possa vantare di avere fissa alla spina la Westmalle Dubbel, che già da sola vale una visita.

Il nome deriva dalla ricorrenza del numero 101:  sono infatti proprio 101 i metri quadri, e all’atto di costituzione nel 1974, per aprire un club erano necessari 100 soci più un presidente. Il locale è diviso in tre ambienti, due sale ai lati, con circa un’ottantina di posti a sedere, e la grande stanza di ingresso, dove c’è il bancone e la cucina.
A proposito di cucina, anche se qui su PintaPerfetta non ne parliamo quasi mai, segnalo volentieri della eccellente qualità dei piatti, rigorosamente composti da ingredienti scelti e cucinati sul posto: il menù è sempre ben sostanzioso, ma ogni sera c’è almeno uno, se non due piatti extra-menù. Da segnalare anche un paio di piatti cucinati con birra: la superba salsiccia montanara (che in alternativa viene cotta nel vino) e l’anatra all’arancia e weiss, veramente squisita, che però ultimamente è stata temporaneamente tolta dal menù per lasciar spazio a qualcosa di più “invernale”.

La cucina del 101, Sassuolo (MO)

Per gli amanti di altre bevande alcoliche, si sottolinea la grande quantità di whisky e rhum a disposizione dei clienti, nonchè una notevole varietà di ottime etichette di vino, che spesso possono essere abbinate a formaggi artigianali e marmellate rigorosamente fatte in casa. Molto spesso il 101 organizza degustazioni con menù di abbinamenti cibo-birra: da non perdere!

Rimini, un altro punto di vista

2

Category : Eventi

Riprendendo le parole di Mattia, Rimini è certamente la miglior fiera birraria d’Italia. Per questo, credo ci sia bisogno anche di sentire un’altra campana, anche per farsi un’idea più approfondita della cosa. Organizzata a Rimini e in un’area immensa, con anche altri settori coperti – se è chiamata Food&Beverage ci sarà un motivo -, è facilmente raggiungibile sia in macchina sia in treno. L’organizzazione può apparire molto rigida, soprattutto all’inizio, ma con un po’ di parlantina e capacità di vendersi si riesce ad accedere ovunque, anche tramite biglietti da visita (che nessuno andrà a controllare se veri o falsi).

Per entrare - Come già sottolineato da Mattia nel suo precedente post, bisogna pagare circa quaranta euro – per dovere di cronaca sono trentanove – per entrare, senza avere la possibilità di visitare tutti gli stand. Inoltre bisogna dimostrare di essere operatori del settore o di fare parte di un’azienda invitata. Io ho ricevuto il biglietto tramite TRK (che, fra l’altro, ringrazio), azienda operante nelle tecnologie satellitari per rintracciamento camion. Avuto il tagliando per entrare, serve qualcosa per attestare l’appartenenza alla ditta di competenza: il biglietto da visita in combinata con carta d’identità vengono tranquillamente presi in considerazione.

Gli stand - A parte i grandi colossi della birra, come Paulaner per fare un esempio, sono presenti anche vari distributori. Certamente degno di nota è lo stand Interbrau, che racchiude – tra gli altri – Augustiner e Chouffe. Molte le birre alla spina: dalla Chouffe Houblon, il prodotto meno conosciuto del nano ma eccezionale per chi adora le “luppolate”, alla Sierra Nevada pale ale, passando per Kwak, Tripel Karmeliet, Gouden Carolus Classic e Ambrio (nota di demerito), Saison Dupont e chi più ne ha più ne metta. Insomma, una sorta di paradiso, anche se molto affollato.
Davanti allo stand Interbrau c’è quello, quasi gemellato, della Brooklyn Brewery: direttamente da New York, questo birrificio era presente con vari prodotti. Quelli provati mi hanno impressionato, in maniera favorevole: buona la Brooklyn Lager, color ambrato e gusto decisamente gradevole, pazzesca quella al cioccolato, con un sapore di cacao che persisteva in bocca. Meno buona delle tre, probabilmente, la Weiss: decisamente troppo forte per i miei gusti, anche se il sapore era già inquinato dalle bevute precedenti.

Italiani – Come ogni fiera che si rispetti, anche i microbirrifici della nostra Penisola sono presenti in quantità massiccia. Parto dal Ducato, uno dei miei preferiti: AFO spettacolare come al solito, alla spina fa sentire tutto l’aroma del luppolo, mentre la VIS è oramai una garanzia. Pure i più scettici – non faccio nomi – si stanno ricredendo.
Solita menzione per Lambrate, Bidù e Orsoverde, vere e proprie realtà del mondo artigianale italiano, con prodotti sempre nuovi affiancati ai propri cavalli da battaglia.
Dulcis in fundo, da Parma arriva il birrificio Toccalmatto, sponsorizzato dal mio barista di fiducia (Claudio, della Locanda del Monaco Felice), di cui parleremo domani. La data non ̬ casuale, giacch̩ stasera a Suisio Рproprio nel locale di cui sopra Р̬ in programma la degustazione dei prodotti, in abbinamento con pietanze scelte dallo (o dalla?) chef Carla.

Fr̬res Berthom РNancy, F

Category : Locali, Viaggi

In quasi tutte le città si riesce, con un po’ di fortuna, a trovare dei piccoli gioielli. Ed è il motivo principale per cui non mi dispero mai, anche se devo andare in posti che, di primo acchito, non ispirano la benché minima fiducia. Questo copione si è verificato anche a Nancy, non troppo popolata città dell’est francese. Cosa fare per allietare le serate? Niente di meglio di abbondanti pinte di birra. E dove trovare della buona birra in pieno centro? Ecco la risposta: Frères Berthom, accanto alla piazza del municipio (Place Stanislas), a meno di 5 minuti dalla fermata Point Central dell’unica linea di tram (Google Maps).

Un pub dall’aria molto familiare: l’arredamento è piacevole e un po’ rustico, nello stile delle statuette dei troll nordici che a volte si trovano in giro; i camerieri salutano sempre e chiedono come va, anche se mi hanno visto solo due volte in vita loro. E addirittura il proprietario si ferma a stringere la mano e a informarsi su cosa ci facciamo noi lì, volti nuovi in una città che, nel periodo delle vacanze scolastiche, è assai poco popolata.

Che cosa c’è di interessante in questo pub, su due piani ma comunque piuttosto piccolo? Sicuramente le linee di spina non sono male. Propongono varie birre della Duvel/Moortgat; in particolare, si trovano le tre Maredsous (6, 8 e 10), la Bel Pils, alcune della brasserie Achouffe a rotazione, Faro Lambic, Lindemans Kriek, più altre varie ed eventuali. Niente di eccezionale, ma fanno la loro figura. In questo momento c’è ancora la natalizia N’Ice, che però non mi ha mai colpito e quindi ho evitato. Le Maredsous, invece, sono secondo me più che oneste, e trovarle alla spina fa sempre piacere. La Maredsous 6 è una bionda molto equilibrata, la 8 una strong ale (scura) con un bel corpo ma non pesante, mentre la 10 è il cavallo di battaglia: una tripel ben fatta che però, a mio avviso, perde nettamente il confronto con i mostri sacri della produzione birraria belga. Fra le tre, la mia preferita è la 8: pur essendo scura, alla spina acquisisce quella freschezza che in bottiglia le manca, e si lascia bere molto volentieri.

Una nota interessante è la bontà della spillatura: le varie pinte che ho preso mi sono sempre arrivate spillate con ogni cura, e – si sa – la bevuta ne guadagna. Non potevano mancare anche varie trappiste in bottiglia, più tutte le altre bottiglie della linea Duvel/Moortgat. I prezzi sono accettabili: in happy hour una pinta costa circa 3 euro (con piccole variazioni in dipendenza dalle birre), mentre il prezzo sale fino a 6 euro dopo le 21:00.

Riassumendo, un ambiente molto familiare e amichevole, unito a delle birre alla spina non eccelse, ma sicuramente buone e servite con molta competenza, fanno di questo piccolo pub un buon posto dove passare le serate se vi trovate da quelle parti.

Giacomo
(nota: foto da cityvox.com)

Guida pratica al Belgio rapido (parte I)

1

Category : Viaggi

Capitano quei weekend lunghi in cui uno non abbia niente da fare. E se uno si organizza per tempo, quei weekend lunghi possono diventare un’ottima scusa per farsi un giro nel Belgio birraio. Quello che ci accingiamo a fare è un resoconto sul nostro viaggio di 3 giorni in Belgio, alla ricerca delle migliori birrerie, in modo tale che possa servirvi come guida se volete ricalcare le nostre orme. I dettagli su alcuni locali dove andare a bere arriveranno in seguito, ma anche le informazioni logistiche possono essere d’aiuto – e per adesso ci atteniamo a quelle.

Il viaggio inizia il venerdì mattina da Parigi, dopo aver noleggiato una macchina; ma siccome abbiamo fatto tappa all’aeroporto di Charleroi per prendere degli amici in arrivo dall’Italia (moltissimi i voli lowcost disponibili), possiamo considerare di partire da lì. Ci sono vari autonoleggi, e non avrete problemi.

Dove dirigersi inizialmente? La nostra idea era partire dal sud del Belgio, e progressivamente dirigersi verso nord. E così abbiamo fatto. Purtroppo la Brasserie Rulles era chiusa, quindi la prima tappa è stata la Fantome, nello sperduto villaggio di Soy, sulle Ardenne. Ci vogliono meno di 2 ore di macchina da Charleroi. La Fantome si è rivelata un disastro: il proprietario, nonostante ci avessimo fissato proprio il giorno prima via mail, si era assolutamente scordato di noi, e doveva andare via causa impegno urgente. L’affidabilità non è il suo forte; e questo si vede anche dalle birre, che alternano ottime produzioni e birre mediocri. Comunque il sabato e la domenica pomeriggio ci ha assicurato che la sua taverna, accanto alla birreria, è aperta. Tra l’altro, per andare a Soy passerete vicino a Rochefort; ma lì purtroppo non c’è nulla da vedere, e nemmeno un pub ufficiale dove bere la famosa trappista. Non bisogna comunque disperarsi: la zona delle Ardenne è ricchissima di birrifici, e a nemmeno 20 minuti di distanza si trova Achouffe, con l’altrettanto noto birrificio. La taverna è aperta la sera e propone ottimo cibo (per essere in Belgio) e birra in quantità a prezzi più che onesti. C’è anche il liquore al caffè da loro prodotto. E’ probabilmente l’unica taverna ufficiale di un birrificio dove potrete mangiare decentemente, quindi approfittatene senza timori. Ci sono anche molti piatti cucinati con la birra (coniglio alla Chouffe, costine di maiale alla McChouffe).

Davanti alla taverna c’è anche un’altro pub, che serve ovviamente tutta la linea Achouffe come ci hanno abituato: Chouffe, McChouffe, Chouffe N’Ice (natalizia) d’inverno, Chouffe Bok d’autunno, e alcuni cocktail Chouffe. Personalmente credo che le più riuscite siano sempre Chouffe e McChouffe. Però, a differenza della taverna della Achouffe, qua si trova anche la Lupulus d’estate: la nuova birra del precedente proprietario della Achouffe (prima che fosse comprata dalla Duvel/Moortgat). Avremo modo di parlarne in seguito, ma se vi capita l’occasione, non lasciatevela sfuggire: la Lupulus è veramente ottima.

Dove passare il resto della serata? A meno di 15 minuti di macchina da Achouffe (che è un po’ sperduto nel nulla) si trova la piccola cittadina di La-Roche-en-Ardennes, decisamente più grande di Achouffe. E’ un luogo di passaggio per camionisti: la sera, vicino al ponte c’è un pub aperto fino a tardi (per le usanze nord-europee). Alla spina ha sempre Chouffe più altre birre meno conosciute, ma se di Chouffe non ne potete proprio più, ha anche una vasta selezione di trappiste in bottiglia ai soliti prezzi irrisori (tutto meno di 3 euro). E ovviamente, il bicchiere è abbinato alla bottiglia.

Potete anche dormire in questo paese. Ci sono molti alberghetti a prezzi dignitosi; se pagate in contanti e dormite in molti nella stessa stanza, probabilmente riuscirete anche a strappare uno sconto. E dopo tutta la Chouffe che avrete bevuto, potrete fare anche voi il Live at Wembley.

Giacomo e Davide
(foto: courtesy of Duccio)

BirraNostra – Report

1

Category : Eventi

Ecco il report dall’appuntamento 2008 di BirraNostra a Rovigo, che si è svolto durante tutto il weekend appena passato. Da cosa partire? Dall’organizzazione, che non è impeccabile. La location, seppur bella, rimane particolarmente spoglia e dà un pò l’idea del “vuoto”, avendo un enorme superficie disponibile e così pochi stand. Da rivedere inoltre il rapporto organizzatori-espositori, dato che inizialmente nessuno sembrava sapere dell’esistenza dei tappi e come questi funzionassero.

Praticamente inesistente il servizio di cibarie, con solo un paio di piatti disponibili, e non di grande qualità. Il venerdì, invece, l’unica fonte di sollievo per lo stomaco erano arachidi e grissini, gentilmente offerti dal Birrificio del Ducato e Freccia. La compartecipazione di Slow Food Veneto aveva fatto ben sperare e abbinare birre di qualità a prodotti nostrani non poteva esser più facile e azzeccato, ma evidentemente l’impegno nell’organizzare questo evento è stato pari allo sforzo pubblicitario. La scena delle birre artigianali italiane è senza dubbio in crescita, ma di certo questo evento non puo esser preso come modello per far conoscere queste al di fuori della solita ristretta nicchia di appassionati.

Gli stand presenti erano 10, per un totale di una 40ina di spine diverse, e alcuni nomi buoni non mancavano. A fianco del colosso Interbrau c’erano i più piccoli birrifici come Freccia, 32 via dei Birrai, Birrificio Italiano, Birrificio Lariano, White Dog Brewery, Amiata, MM 1989, Birrificio del Ducato e un paio “multi-marca”, tra cui uno che aveva un paio di spine di Baladin.
Venendo alle birre, scriviamo due diverse recensioni, che segnano il diverso punto di vista di chi di noi c’è stato.

1) Tolte le eccellenti spine che poteva vantare Interbrau (Chouffe, Gouden Carolus Tripel, Kwak, La Trappe) e le sue bottiglie, il resto degli espositori devo dire che non mi ha colpito in maniera eccessiva. Ho provato 11 diverse spine, più qualche assaggio qua e là, e in mezzo a cose buone che dopo elencherò, ho trovato anche qualche obrobrio allucinante. Tra le cose migliori, ho gustato una buona Weizen del Birrificio Lariano, due eccellenti bottiglie da 32 via dei Birrai (Curmi, una blanche, veramente ottima e la Audace) e una buona Strabionda dal Birrifico Freccia. Da segnalare anche una particolarissima Black Rebel Mint Stout del Birrificio Citabiunda di Neive (CN), una stuot corposa, con una bellissima e densa schiuma, con gusto a base di menta piperita. In fin dei conti non sono rimasto nè contento nè dispiaciuto, e probabilmente mi aspettavo qualcosina di più. (Mattia)

2) La delusione data dell’organizzazione precendentemente descritta è stata a mio avviso riscattata da qualche birra di buonissima qualità. Spiccano l’Audace di 32 Via dei Birrai (ottima golden ale rifermentata in bottiglia), la Cinabro del Birrificio Amiata (barley wine ben strutturata, che però mantiene un’ottima bevibilità); particolare menzione personale per il Birrificio del Ducato che ha portato una superba saison (New Morning), un’ottima imperial stout (Verdi) e una non inferiore APA (A.F.O.). (Lorenzo)

Durante tutti i tre giorni si son svolte varie attività collaterali, come la cotta di una birra, le degustazioni guidate da Lorenzo Dabove (in arte Kuaska), e vari incontri di abbinamento cibo-birra.
Nota dolente, i prezzi. Il sistema faceva sì che ogni degustazione (0,2 lt) alla spina costasse 2,50€ e ogni assaggio da una bottiglia, 3€… e fin qua può anche starci. Quello che continuo a non capire sono i prezzi delle bottiglie. Un sistema come quello italiano, che è emergente e poco conosciuto dal grande pubblico, avrebbe bisogno (a mio modo di vedere) di avere prezzi concorrenziali, invece ieri ogni bottiglia andava da un minimo di 7 ad oltre i 10 euro (la media era sui 8,50-9). E’ ovvio che allo stesso prezzio io-consumatore difficilmente sceglierò il prodotto di nicchia italiano, e mi getterò sul prodotto belga di cui conosco tutto, e di cui mi posso fidare. [Lorenzo: un mio amico ha preso 5 bottiglie di Verdi Imperial Stout dal Birrificio del Ducato per 20€, ma sinceramente non so se sia stata una cortesia o se quello fosse il prezzo "ufficiale". In ogni caso a me sembrano esagerati anche i 4/8 euro per bottiglia da 33/75cl belga, soprattutto tenendo conto che si era in fiera]

Altra cosa che mi va di dire. Negli ultimi mesi ho sentito svariate lamentele da parte di proprietari di locali nella mia zona, riguardo al costo dei fusti e, soprattutto, dell’impossibilità di trovare determinate birre. Nei fumi dell’alcol ieri mi son finto organizzatore di feste, e ho scoperto che i prezzi che mi venivano raccontati sono in realtà la metà. Non solo: la possibilità e varietà di spine accessibili anche a privati (a maggior ragione a chi ha un locale, partita iva e quindi una grande possiblità di vendita) è enorme, con eccellenti spine, alcune delle quali da noi inspiegabilmente introvabili.

Posso dire quindi che la fiera mi è piaciuta, ma l’ho trovata abbastanza “scarica” (anche un paio di gestori se ne lamentavano chiaramente). Il fatto di essere una fiera gestita da un circolo ristretto di birrifici ed appassionati non ha sicuramente aiutato, forse per il futuro si dovrebbe cercare di aumentare il numero dei produttori, per avere più qualità, più quantità, e va da sè, anche più movimento. [Lorenzo: se l'obiettivo è anche quello di allargare il proprio bacino d'utenza, un evento un po' più mediatico, magari organizzato con più criterio in una piazza di una grande città (Padova?), è sicuramente preferibile a un'esposizione non pubblicizzata, per di più locata in una delle fiere più disperse del Nord-Est]

Mattia e Lorenzo

Brasserie d’Achouffe

15

Category : Locali

Brasserie d’Achouffe
Rue du Village 32
6666 Wibrin-Achouffe, BELGIO

Per molti di noi, e di voi, questo nome già dice tutto. La Brasserie d’Achouffe (www.achouffe.be) è forse una delle più famose di tutto il Belgio: famosa perchè produce una delle birre più apprezzate, ma anche per aver associato un simpatico gnomo all’immagine del loro merchandising.
Achouffe, che si trova nella parte sud-orientale del Belgio, non lontano dal confine tedesco, è un paese minuscolo, perso tra le verdi colline delle Ardenne (forse la regione paesaggisticamente più bella di tutto il paese) che però non si fa mancare nulla. Proprio qui (Guarda dove si trova Achouffe) gli abitanti del paese, i turisti e gli amanti della buona birra hanno un punto di ritrovo fondamentale: la Brasserie produce quattro tipologie di birra, e tramite la locanda interna, chiunque può assaggiare le specialità della casa.
Le quattro birre prodotte sono:

  • La Chouffe
  • McChouffe
  • Chouffe Houblon
  • N’Ice Chouffe

a cui si aggiunge una birra (Chouffe Bok) che viene prodotta e commercializzata esclusivamente per l’Olanda.
La Chouffe non ha bisogno di grandi presentazioni, è il loro cavallo di battaglia da anni: una birra fruttata, equilibrata, di un gran bel colore biondo torbido, nasconde con tutto il suo gusto una gradazione di 8%. In formato da 75cl. e nel magnum da 1,5lt, è sinonimo di garanzia ed affidabilità: una birra che piace a tutti, davvero “popolare” (nell’accezione positiva del termine). Ormai in Italia la si può trovare anche in alcuni supermercati.
La McChouffe, prodotta solo nel formato da 75cl, è sicuramente meno conosciuta e commercializzata, e purtroppo anche sottovalutata. Risulta una birra gradevole, che si accompagna bene anche ai dessert, e ha un sapore abbastanza fruttato, come la sorella “bionda”, con una particolarità notevole: è una delle pochissime birre aromatizzate al mirto.
La N’Ice Chouffe è la birra stagionale che viene prodotta nel periodo delle festività natalizie. Non una delle grandi Birre di Natale del Belgio, è la tipica birra scura, abbastanza alcolica (10%), speziata (liquerizia) e discretamente dolce. Non è di facilissima reperibilità e non è universalmente riconosciuta come “capolavoro”.
La Chouffe Houblon è una birra a tripla fermentazione, molto luppolata (come una IPA). La produzione è destinata all’esportazione, in particolare negli USA, ma si riesce a trovare anche qui da noi. E’ una birra che lascia un sapore molto amaro in bocca, dovuto alla altissima presenza di luppolo. Il colore è giallo-paglierino, schiuma persistente.

La locanda interna alla Brasserie è graziosa, si mangia abbastanza bene (quantomeno in confronto a molte altre Brasserie belghe) e un piatto come la Trota alle Mandorle è perfetto da associare ad una buona spina. Proprio a fianco della locanda, si trova il negozietto che negli utlimi anni s’è sempre più arricchito di gadget, grazie ad una politica di marketing e merchandising decisamente “aggressiva” e azzeccata – probabilmente anche dettata dal fatto che la Brasserie d’Achouffe è stata acquistata nel 2007 dalla potente Duvel-Moortgat.
Nota di colore: lasciate perdere il mischione che fanno con Chouffe e sciroppo, davvero non ne vale la pena!

In definitiva, un luogo assolutamente da visitare per chi fa della cultura birraia una risorsa, un piacere e una passione: un must da non mancare, come altre Brasserie di cui tratteremo nei prossimi tempi…