Birra alla rovescia

4

Category : Varie

Mi sono per caso imbattuto in un prodotto piuttosto curioso: un impianto di spinatura alla rovescia. La birra, invece che cadera dall’alto, sale dal basso: vedere il video per credere.

Tutti voi sarete sicuramente al corrente degli ingenti danni che la schiuma causa alla vostra bella pinta di birra, che l’appassionato di birra vuole riempita fino all’orlo senza un millimetro di schiuma. E’ assolutamente inaccettabile che nel 2011 si sia ancora obbligati ad affidarsi ad obsoleti metodi di spinatura, in cui l’intervento umano provoca errori con conseguente creazione di uno strato gargantuesco di schiuma. E allora un’industria americana ha ben pensato di rivoluzionare il mondo birraio con il loro simpaticissimo e utilissimo dispenser che riempie i bicchieri dal basso, facendo meno schiuma possibile.

Il sistema è molto curioso. I bicchieri hanno un fondo magnetico; il bicchiere viene appoggiato sul rubinetto, il fondo si solleva, e la birra entra dal basso. Una volta finita la spinatura, il bicchiere viene sollevato e il fondo magnetico si rimette al suo posto.

Affezionati clienti testimoniano un’aumento delle vendite di birra superiore al 50% (non si sa esattamente in base a cosa), in eventi frequentati da appassionati della birra artigianale come il Monster Supercross Finals. Il manager di Ovation Food Services dichiara addirittura che “Every once in a while a new technology comes along that really blows you away. GrinOn’s Bottoms Up Beer Dispenser does just that.”

Riassumendo:

Vantaggi: si può predeterminare la quantità di birra per ogni bicchiere, in modo tale che venga riempito automaticamente e con pochissima schiuma. In questo modo, si possono preparare più pinte in meno tempo.

Svantaggi: penso siamo tutti d’accordo che può andar bene al massimo per servire una Miller Lite. Quante risorse intellettuali sono state sprecate per progettare questo gadget? Ce n’era davvero bisogno?

Giacomo
(p.s.: spero sia chiaro che questo non vuole essere un post serio)

“Tavole della Birra d’Italia” – Anticipazioni

24

Category : Varie

La guida de L’Espresso (e di Assobirra) alle Tavole della Birra d’Italia 2011 era annunciata da diversi mesi. Sarò sincero: fin dall’annuncio della sua pubblicazione, partivo prevenuto. Questo per diversi motivi: non sembrava redatta da appassionati di birra, nasceva come spin-off di una guida ai ristoranti (quindi un settore di ristorazione con funzione, orari e modalità di servizio ben diversi) e non sembravano ben chiari i criteri con cui sarebbero stati selezionati i locali.

A pochi giorni dalla presentazione, arriva qualche anticipazione, prima da Repubblica e poi dalla stampa locale (Gazzetta di Modena, nello specifico, da qui sono tratte le due tabelle), prontamente fornitami da Mattia (un grazie anche a Andrea Forti di Radio Antenna 1).

Questo breve articolo, insomma, mette insieme le prime informazioni e anticipazioni per tirare un po’ le somme.

Sulla qualità dei ristoranti, ci fidiamo di chi li ha recensiti, di qualcuno (Uliassi) avevamo già sentito parlare pur non passando le nostre serate a recensire cuochi e cucine più o meno celebri. Ho abitato vicino a Cavenago fino all’altro ieri e non sapevo dell’Hotel Devero. Peccato.

Come potrete vedere, nei locali considerati “top” c’è tanta eccellenza, dallo Sherwood Music Pub di Nicorvo (PV) alla scena romana passando per l’Emilia che Mattia ha testimoniato in diverse occasioni: su 20 pub, una buona metà è già stata trattata (se non celebrata) sul nostro blog.

Qualche perplessità, però, non manca. Innanzitutto l‘Open Baladin di Roma come miglior pub nazionale, un locale su cui in più occasioni, parlando con amici e appassionati, abbiamo raccolto più critiche che complimenti. Certo è un locale che per location e numero di spine colpisce.

Poi la Ratera, ottimo ristorante “di birra” (forse, probabilmente, l’unico vero ristorante in cui la birra gioca un ruolo di primissimo piano sul suolo italico) ma che certo non è né un pub né una birreria: premiato tra i pub, non tra i ristoranti, per motivi non meglio identificati, al momento.

Il Woodstock, storico pub sui Navigli a Milano, è sicuramente un locale storico. Non si capisce come o perché sia riuscito ad avere la meglio su di un qualsiasi Irish Pub sotto casa vostra, ovunque voi siate. Approfondiremo.

Se la cava un po’ meglio La Terra di Mezzo, un discreto pub che ho visitato in una trasferta modenese con Mattia e Gabriele. Mattia era stato molto critico (i motivi li trovate sotto), tanto che fu uno degli articoli più visitati e commentati della nostra breve storia di blog, personalmente durante la nostra visita avevo trovato cose buone, magari non sconvolgenti, ma sembrava degno di nota (del resto ne abbiamo parlato). Certo mai mi sognerei di inserirlo nei migliori 20 o 30 locali di birra in Italia, anche se le curiose descrizioni delle birre proposte mi avevano molto divertito.

Certo da conoscitore della scena birraria lombarda mi lascia molto perplesso l’assenza di qualche locale bergamasco o brianzolo, come mi lascia perplesso l’assenza, su Milano città, del BQ di Paolo Polli o del Birrificio di Lambrate, il miglior brewpub d’Italia.

Insomma, per ora, più che sollevare un sopracciglio ed esprimere perplessità su chi c’è, viene da chiedersi i motivi che abbiano portato all’esclusione dell’uno o dell’altro pub.

Alessio

Per quanto mi riguarda, son contento della presenza di qualche locale della mia zona, che è sempre bistrattata e dimenticata: a Scandiano (RE) sta davvero nascendo un “polo” birraio importante, sicuramente non Roma, ma superiore (e di molto) a parecchie realtà più importanti, quindi complimenti a Alle e Maso. Anche se è un po’ che non ci vado, fa piacere che ci si ricordi del Goblin di Pavullo (MO), dove Umberto riesce a far nascere e crescere all’interno dei suoi clienti più della semplice passione per le birre.
Per quanto riguarda la Terra di Mezzo, la critica era fondamentalmente sul rapporto che il gestore aveva avuto con me e con altri clienti, ma la cosa s’è notevolmente sistemata e il locale ne ha tratto un significativo miglioramento: frequento la Terra di Mezzo da omai 5 anni, e pur essendo affezionato, nemmeno io lo considero un pub da 3 stelle, vedendo poi i nomi di quelli attorno. Diciamo un 2 abbondante.
Come diceva Alessio, curiosa la mancanza di qualche locale (il Lambrate per Milano, il Mastro Titta per Roma). Avendo trovato la lista sulla Gazzetta di Modena, sono riportati anche i locali della città, tra cui c’è segnalata un’enoteca che lavora molto bene con i vini, ma che alla spina ha una normalissima ed anonima birra chiara (1664?) e in bottiglia solo Chouffe e 32 via dei Birrai (che, casualmente, è associato ad AssoBirra – cioè chi dovrebbe decidere dell’inclusione o meno sei locali): due stelle paiono davvero esagerate non per la qualità del servizio, ma proprio perchè non c’è praticamente nessun tipo di lavoro sulla birra artigianale.
Vincitore nella categoria Beershop dell’Anno (anche qua, bisognerà capire in base a quali criteri), il Grand Cru di Sant’Arcangelo di Romagna.

Mattia

Accise in aumento – sai la novità…

1

Category : Birra, Notizie in breve

E sempre e solo questione di soldi...Intravino ci informa che nella stangata fiscale di Tremonti sono previsti aumenti delle accise su birra e superalcolici, oltre che sull’alcool etilico. Per la precisione, si parla di “prodotti alcolici intermedi”, ma dato che sul vino pare non esserci accisa dubito fortemente, anche per i forti interessi delle potentissime lobby del vino in Italia, che possa essere applicata.

A pagare il conto, insomma, saremo tutti, a meno che non decidiamo di abbandonare malti e lieviti in favore dei grappoli d’uva.

Il tutto succede a un anno esatto dall’ingresso di una serie di importanti produttori artigianali (alcuni piccoli, altri molto grossi) in Assobirra, associazione di riferimento dei produttori giganteschi, non ha portato alcun beneficio ai produttori artigianali, grandi o piccoli che siano. E sì che dovevano entrare soprattutto per ridurre le accise sulla birra artigianale, e che solo un mese fa si annunciava l’arrivo della proposta Unionbirrai (forte anche dell’ingresso nella potente CNA) sul tavolo del ministero delle Finanze. Insomma, la doppia spinta di Assobirra e Unionbirrai per il momento non porta a cambiamenti, la finanziaria, ahimé, sì.

Come si fa notare nei commenti, forse in tempi di crisi tassare prodotti potenzialmente dannosi per la salute come alcool e sigarette non è la cosa peggiore da fare. Come però fa notare Walter del birrificio toscano Cajun, però, questo è il terzo aumento delle accise sulla birra in cinque anni…