Mastro Titta, Roma

3

Categoria: Locali

Comincio il mio giro di recensioni sui locali di Roma con quello che non conoscevo affatto e che invece è un must assoluto, e molto differente dagli altri che recensirò fra qualche giorno. Parlo del Mastro Titta di Roma (mappa piccolamappa grande), locale che nella capitale è considerato uno dei primi promotori della birra artigianale sulla scena cittadina. Il locale prende il nome da Giovanni Battista Bugatti, detto appunto Mastro Titta, che tra il 1796 e il 1864 fu il boia di Roma.

Particolarmente ampio, e disposto su due livelli, la prima caratteristica che viene in mente quando si entra è l’atmosfera: il Mastro Titta, almeno al piano terra, è particolarmente buio e all’ingresso si rimane stupiti su come sarà possibile vederci. Pian piano però gli occhi si abituano e le varie cose cominciano a prendere forma e colori: il locale è arredato nel classico stile irlandese, in legno e presenta numerosi tavoli con divanetti.

Il locale Mastro Titta di Roma con Giorgione, il gestore

Il locale "Mastro Titta" di Roma con Giorgione, il gestore

Le spine sono di grande rispetto e a prezzi decisamente contenuti (5.00 – 5.50 €) . Essendo a vorticosa rotazione, posso dirvi quello che c’era quando son stato io. L’impianto prevede una quindicina di spine, di cui due erano riservate alla Sierra Nevada Ipa e alla Sierra Nevada Harvest, e 4-5 alle classiche birre tedesche. Il meglio arriva quando ci si sposta sulle spine belghe: qui la scelta è ampissima con Gouden Carolus, Rulles Estivale e Rulles Triple, St. Bernardus Abt 12, Moinette Blonde più altre due di altissimo livello che non ricordo. Tra queste mi son bevuto la Harvest e successivamente la Estivale, e le ho trovate in splendida forma.

Il piano interrato offre circa una cinquantina di posti a sedere, con tavoli e panche di legno, sicuramente un pò più spartano e più illuminato del piano terra, e per questo meno fascinoso. Il simpatico gestore Giorgione – che vedete nella foto e che mi dicono essere uno dei più grandi bevitori conosciuti al mondo – propone anche cucina tipica romana, io ho mangiato dei rigatoni alla carbonara davvero ottimi ed abbondanti.
Sicuramente un posto da tenere in alta considerazione in quel di Roma, soprattutto se intendete bere quancosa di belga o molto classico, con i grandi nomi valloni e fiamminghi a darsi battaglia sul bancone… in fondo i classici son sempre di qualità, sempre buoni e non bisogna mai dimenticarli.

mattia

Commenti (3)

Grande mastro titta e grande Giorgione
Domenica ho bevuto una bellissima Sierra Nevada Harvest a spina fenomenale, quando prendi una birra al mastro titta hai sempre la certezza di prendere qualche cosa di buono

La Sierra Nevada Harvest e’ buonerrima, sia in bottiglia che – soprattutto- alla spina. La IPA invece non e’ male, ma non mi ha mai convinto a pieno (visto che ci sono molte altre IPA che trovo migliori).

Sì, però potrebbero pure rilasciarti lo scontrino.