Compagnia del Luppolo – Parabiago (MI)

12

Categoria: Birra, Locali, PintaPerfetta

La Compagnia del Luppolo raddoppia, e dopo avervi raccontato della sede di Legnano , su Pintaperfetta si parla di una nuova apertura in quel di Parabiago.

La mia recensione non può che rifarsi a quanto già detto nel precedente articolo e quindi questo pezzo non brillerà per originalità e sarà un continuo rimbalzo di confronti tra il vecchio e il nuovo locale, in quanto la “nuova” compagnia del luppolo riprende e espande i concetti già espressi nella sede storica.

Per farvi un breve ripasso, spine di birra made in Italy esclusivamente artigianale (che ora aumentano a 8 spine e 2 a pompa), una ricca offerta di bottiglie e la garanzia di una rotazione pressoché assoluta dei prodotti.

Il nuovo locale si presenta più spazioso e luminoso rispetto al precedente, su due piani piacevolmente arredati con uno stile che si ispira un po’  alle vecchie osterie, un po’ alle moderne steak house  e un po’ alla birreria classica, ma con tocchi  più chic. I prezzi corretti, il servizio di qualità e l’atmosfera familiare fanno da contorno piacevole alla visita.

Il tema della bistecca non è casuale e cade anche nel “sottotitolo” della Cdl (Birra e Bistecche), a mostrare un’offerta più ampia nell’ambito della ristorazione, con piatti semplici e piuttosto carnivori come i vari hambuger, bistecche e filetti.

Mi fermo qua nella descrizione analitica del locale, in quanto non potrei che ripetere quando già detto in passato, quindi passerei a qualche mia considerazione.

Il primo pensiero che mi frulla è legato alla localizzazione della nuova Cdl.

Proprio sull’aspetto territoriale si può mostrare un punto debole della nuova creazione di Gabriele. Infatti i due locali distano solo pochi minuti di strada uno dall’altro, esponendoli al rischio di non essere uno alternativa dell’altro ma piuttosto un doppione. A parziale risposta della mia obiezione  Gabriele mi ha assicurato che le due anime di Cdl non presenteranno mai contemporaneamente medesime spine (qui allora butto il suggerimento di aggiornare il più possibile il sito internet per permettere di sapere “in tempo reale” cosa si trova e dove). Sempre in tema mi pare di aver inteso un’ipotesi di trasformazione futura del primo Cdl verso spine di origine estera (belghe? inglesi? americane? ) , ipotesi che personalmente caldeggio. Non resta che una paziente attesa,  tutto è ancora in movimento e aspettiamo con fiducia le evoluzione che verranno.

Il secondo pensiero invece ruota più sulla mia sincera approvazione per questo “fermento” e per la volontà mostrata. Se ho giudicato un azzardo aprire un locale con un tema così preciso e di nicchia, bissare la scelta e anzi raddoppiarla (come sforzi, capacità e offerta) non può che essere considerato come uno sforzo ammirevole e che PintaPerfetta sostiene.

Detto questo, mi ripeto un po’ noiosamente come in passato, ma se vi piace la birra artigianale made in Italy, questo è sicuramente un locale imperdibile.

p.s., soliti ma non scontati ringraziamenti per revisione, consigli e fotografie a Antonella, mia insostituibile alleata di beer hunting.. 🙂

Commenti (12)

sforzo sicuramente ammirevole, comunque è sembrato anche a me e ad amici un doppione rischioso…
anche perchè la zona è “occhio e croce” da “cocktail” 8-/

Speriamo di veder presto una bella Abbaye des rocs alla spina!

Ci sono stato e devo dire che per noi Torinesi è un ottimo spot lato ovest che ci evita l’ingresso in Milano…

La qualità, il servizio e la quantità di scelta della birra anche in bottiglia è stupefacente.

Non è male, a parer mio dovrebbero abbassare i prezzi delle birre caserecce, consentendo un più facile accesso a tutti.

Non sempre si ha voglia di provare una nuova birra se costa 20€ e non è nemmeno un litro.

ciao, sono gabriele il proprietario della compagnia del luppolo,premetto che non voglio fare nessun tipo di polemica ma scrivo solo per puntualizzare l’ultimo commento di josh, i prezzi delle bottiglie da 75cl vanno dai 10 ai 14 euro, l’unica birra che costa 20euro è la BB10 di Barley, la media da 0,58cl costa 5euro, così come hai scritto sembra che vendo solo birre da 20 euro!!! grazie

@Josh
Bisogna vedere cosa costa 20 euro. Io per certe birre son dispostissimo a spenderli (l’ho già fatto tante volte e lo rifarò)… di per sè 20 euro possono essere troppissimi per birre mediocri o pochi per birre eccellenti e/o introvabili. Oltretutto, ognuno ha i suoi gusti, che influenzano non poco questa valutazione.

Per dirne una, io non pagherei mai 8 euro una Baladin, ma pagherei eccome 20 euro una Great Divide Oak Aged Yeti o una Hibernatin Ale…

@Gabriele
Grazie per la precisazione.

La BB10 tra l’altro non solo li vale tutti (a mio avviso), ma anche nei beer shop non l’ho mai vista sotto i 17 euro. E’ una birra costosa e non è certo quella su cui i locali hanno grossi margini, anzi.

sono completamente d’accordo con voi inoltre avete chiarito meglio quello che volevo dire…grazie

mi sa che era proprio gabriele che ieri sera è stato poco furbo, ha fatto lo spaccone con una compagnia che avrebbe potuto tirarlo fuori dal bancone e conciarlo per le feste senza che si accorgesse di quello che stava succedendo. Sono le 2.10 e uno del gruppo ti ha rotto le scatole, e va bene, ma prendertela con una ragazza che deve fare la pipì, impedendoglielo, è da fuori di testa. Al massimo prenditela con quello che ha fatto casino, sta bene. E volevi farci fare l’alcooltest? Impara a lavorare a contatto con le persone e magari, fatti furbo, non dire a una tipa alta 1.60 “e se no cosa fai?” Potrebbe essere la volta buona in cui lo saprai. Anche perchè, se arrivano i carabinieri, sei tu che hai superato l’orario di apertura e sei tu che impedisci l’utilizzo dei bagni. E noi, facciamo guidare chi può (dopo una birra, difficile). Parola chiave: furbo; e visto che il locale era pure deserto, ti potevi permettere di fare il cafone? Ma la birra è buona eh..

@Alessio
“La BB10 tra l’altro non solo li vale tutti (a mio avviso), ma anche nei beer shop non l’ho mai vista sotto i 17 euro.”
Secondo me non esiste una birra che vale 20€! Non capisco come si possano giustificare certi prezzi,nemmeno se ci metti i diamanti dentro,specialmente quando nel resto d’europa si possono bere delle grandi birre spendendo un quarto del prezzo(voi viaggiate tanto e credo possiate confermare),per non parlare degli stati uniti.
Ho paura che pagando certi prezzi si autorizzino i birrai a tirare sù il prezzo ancora di più,già siamo carissimi,anche quelli che producono centinaia di Hl all’anno.

Non sono d’accordo. I 20 euro è ovvio che non siano pochi, e io li spendo solo ed esclusivamente per produzioni uniche, introvabili o particolarmente buone, solo quando son sicuro non siano patacche. Faccio un esempio: quest’estate son stato a Denver e alla Great Divide avevano la Smoked Baltic Porter, praticamente appena uscita. Là costava 9$ presa direttamente dallo scaffale (circa 6.50€). Metti viaggio, importazione, conservazione, rivendita e/o ricarico del publican, fai presto ad arrivare a 18-20.
Ecco, li vale tutti.

Poi ovviamente c’è chi ne approfitta e c’è chi da un lato si fa fregare comprando schifezze ad alto costo (15 euo per una Bonne Esperance, per dirne una, è ben peggio!) e chi alimenta questi prezzi anche pagando tanto qualsiasi cosa che sia una “edizione speciale”. Bisogna saper scegliere e non farsi fregare da un lato, bisogna cercare di non fregare dall’altro, ma detto questo, 20€ per certe (ma poche) bottiglie io li spendo volentieri.

L’esempio della Great Divide è ottimo:una birra ottima che viene da così lontano,un paio di passaggi ed ecco che il prezzo è fatto,ma io parlo di bire italiane che spesso trovi nei beershop a 100km di distanza dal produttore e già costano un occhio!
Sono d’accordo che uno ha una passione e spende per seguirla,io sono stato collezionista e ho speso per oggetti che magari tu non avresti voluto gratis!
Però,come dici tu,lo spendere indiscriminatamente sdogana poi certi comportamenti,poi non lamentiamoci se si infilano le bottiglie nel c…o degli scoiattoli e le si vende a £500 🙂

@Devo fare Pipì
Capisco la critica ma sarebbe preferibile usare un tono più moderato.
Grazie.