Rogue Ales Public House – San Francisco (CA)

5

Categoria: Birra, Locali

Ovvero il Paese dei Balocchi in California. A due passi da Washington Square Park, vicino al quartiere cinese e a quello italiano, nonchA� al quartiere a luci rosse per chi non sapesse come finire la serata, l’unico pub californiano della Rogue Ales A? una tappa obbligata, se passate a San Francisco.

La Rogue Ales ha sede a Newport, nell’Oregon, e ha prodotto circa una sessantina di birre diverse, non pastorizzate e senza conservanti. La qualitA� degli ingredienti fa parte della loro filosofia, e quindi, nonostante la produzione sia elevata e si riescano a trovare le loro birre in varie parte del mondo (prevalentemente bottiglia perchA� trasportare i fusti A? un problema, ma negli USA anche le spine sono sufficientemente facili da reperire), nella maggior parte dei casi non rimarrete delusi da quello che berrete.

Il brewpub con sede a San Francisco offre 40 linee di spina: una ventina di queste sono dedicate alla Rogue, mentre le altre ospitano birrerie artigianali locali (spesso a rotazione) o prodotti piA? noti, come la Guinness. L’impianto di spinatura A? molto decorato, e ogni linea A? immediatamente riconoscibile dal disegno o “statuetta” che si trova sopra (come il cadavere per la Dead Guy Ale, ad esempio); ci sono anche le informazioni sulla gradazione alcoolica. Un’esempio da seguire per l’utilitA� e il piacere alla vista. PoichA� la Rogue A? molto attenta agli abbinamenti col cibo, nel brewpub A? anche possibile mangiare, e la qualitA� del cibo A? piA? che discreta; i piatti sono comunque quelli tipici nordamericani, quindi panini/burger di vario tipo, insalate o chili, ma si lasciano mangiare volentieri.

L’interesse principale A? ovviamente per le bevute: se non sapete cosa scegliere, potrete chiedere consigli o delucidazioni allo staff, molto cordiale e sempre disponibile a suggerire qualcosa o a dare piA? informazioni su una particolare birra. Ma c’A? di meglio: se avete delle indecisioni, in genere non ci sono problemi a farsi dare due/tre bicchierini da assaggio, per poter scegliere con cognizione di causa. E’ bene approfittarne! Il prezzo delle pinte A? poi assolutamente accettabile: 6 dollari, niente di cui lamentarsi da questo punto di vista. Quando il tempo atmosferico lo permette, sul retro del locale A? stato creato un beer garden piuttosto rudimentale, ma efficace: si trova in una corte interna nel mezzo ad alcuni edifici, ma nel pomeriggio il sole A? ben presente, quindi potete approfittarne per bere qualcosa sui tavoli di legno al sole o sotto gli ombrelloni. Segnalo anche alcune iniziative piacevoli, come il Meet the brewer del martedA�, in cui mastri birrai di birrifici locali (uno alla settimana) sono presenti per rispondere ad eventuali domande o semplicemente bere una pinta in compagnia. PoichA� la scena di San Francisco A? ricca di microbirrifici, la materia prima certo non manca.

Se non avete mai bevuto qualcosa della Rogue, vi chiederete come sono le birre: beh, alcune sono dannatamente buone. Alla Rogue ci sanno fare, e nonostante la produzione molto variata (moltissimi gli stili disponibili), raggiungono alcuni picchi di eccellenza notevoli. Personalmente apprezzo molto le loro bitter, porter e stout: mi sento di suggerire senza problemi Mocha Porter (si sente il malto tostato, caffA?, leggere note di cioccolato, ma A? soprattutto apprezzabile l’amaro finale che bilancia perfettamente il tutto), Shakespeare Stout (incarnazione perfetta dello stile stout, senza eccessi, ma senza il minimo difetto: prevedete 5-10 minuti per avere una pinta spillata, in quanto deve riposare molto dopo la spinatura), Imperial Stout (devastante, aroma e gusto fortissimi che vi lasceranno senza fiato). Menzione speciale per l’Old Crustacean Barley Wine, medaglia d’oro 2008 allo World Beer Championship, davvero eccellente: denso, corposo, con un finale secco e decisamente luppolato per essere un barley wine. Ci sono perA? buoni esempi anche su birre meno scure e piA? tradizionali: American Amber, Dead Guy Ale. E’ sorprendente soprattutto la bevibilitA� delle loro produzioni, grazie al sapiente uso dei luppoli e dei malti per creare birre molto ben bilanciate. Se avete una serata libera davanti, potrete bere numerose pinte senza stancarvi mai, e sarA� un’esperienza molto piacevole.

Jack Joyce, proprietario della Rogue Ales, nel brewpub a Newport.

Qui sopra: Jack Joyce, proprietario della Rogue Ales, nel brewpub a Newport.

Da notare che praticamente tutte le loro birre sono disponibili anche in bottiglia (che potrete acquistare al pub); a mia conoscenza, perA?, nessuna delle birre prevede rifermentazione in bottiglia, e quindi mi sento di consigliare la spina, quando possibile, in modo da apprezzare in pieno la freschezza e la vivacitA� delle produzioni. Pochissime le eccezioni: il barley wine sicuramente gioverebbe dall’invecchiamento, ma nella maggior parte dei casi si tratta di birre che danno il meglio se gustate fresche.

Piccola curiositA�: la maggior parte degli autoctoni adora alla follia la Kells Lager; una pilsner dallo stile europeo, onesta ma che non mi ha colpito particolarmente. E ad un certo punto della serata, A? entrato un tizio che ha avuto il coraggio di chiedere una Millers Lite in bottiglia… Da non crederci! Ma in generale, se siete amanti della buona birra in questo pub vi troverete in ottima compagnia! Da non perdere.

Giacomo
(P.S: non mi piace prendere in giro nessuno e le foto non le ho fatte io, poichA� non avevo la macchina fotografica disponibile. Ringrazio i rispettivi autori delle foto)

Commenti (5)

Anche se le foto non sono tue con il report hai reso perfettamente l’idea 🙂
Come al solito invidio i vostri viaggi, soprattutto sarei curioso di vedere uno di questi locali con così tante spine.. direttamente collegato ad un produttore poi :O

C’e’ anche un lato negativo: con cosi’ tante spine, non riesci mai ad assaggiarle tutte 🙂
Soprattutto alcune birre locali, avrei voluto assaggiarle.. Vedro’ se riesco a tornarci prossimamente.

Invidiaaaaa! 🙂

Ci son stato quest’estate, mi ero dimenticato di segnalare cosa ho bevuto. Metodo, quello dei samplers tranne la prima che era una pinta:

Maierfest lager
Morimoto soba
St. rogue dry hop red
21amendment back n black
Imperial i2pa
Dead guy ale
Mocha porter
Chocolate stout
Double chocolate stout

La 21 e le ultime tre sono da urlo. Mi è piaciuta abbastanza anche la Morimoto Soba, invece non vado matto per la Dead Guy Ale, ma vedrò bene di riprovala, quando e se la ritroverò.

La Dead Guy non e’ un capolavoro nemmeno secondo me. Sufficiente, ma non eccezionale. Dal mio punto di vista, la Rogue da’ il suo meglio sulle birre scure.

Le stout (Chocolate, Shakespeare, Imperial) sono semplicemente fenomenali: mi son bevuto una Chocolate stout giusto ieri sera, bottiglione da 66cl bevuto senza battere ciglio e con la gioia nel cuore. Anche la Mocha porter e’ ottima.